Il primo caso in tutta Europa

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  1. Home page
  2. panorama

Insiste

Questa è la prima volta in Europa che qualcuno contrae la febbre di Oropouche. La persona si trovava precedentemente nei Caraibi. Il virus è simile alla febbre dengue.

Negrar – L’Italia denuncia ancora una volta una malattia tropicale. Il Paese si è già registrato in passato La maggior parte dei casi di dengue sono tropicali. L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha già messo in guardia dalla diffusione della malattia virale. L’Italia è ora diventata il primo Paese europeo a segnalare il suo primo caso di febbre di Oropouche. Una malattia simile alla febbre dengue. Tuttavia, anche in questo caso gli scienziati vedono un vantaggio.

Malattia virale tropicale in Italia: primo caso in tutta Europa

“La febbre Oropouche è causata dal virus omonimo (OROV), che si diffonde abitualmente nella regione amazzonica e si trasmette all’uomo attraverso le punture di insetti, soprattutto zanzare e moscerini”, ha spiegato all’Agenzia Italiana di Stampa Federico Giovanni Gobbi. Lo ha riferito l’agenzia ANSA il 14 giugno. Dirige il Dipartimento di Malattie Infettive, Tropicali e Microbiologiche del Sacro Curie Don Calabria (IRCCS), dove il virus è stato isolato per sviluppare test diagnostici specifici. Il malato a cui è stato diagnosticato il virus era stato precedentemente ai Caraibi.

Una zanzara si posa sul suo braccio. In Italia è stato segnalato il primo caso di febbre di Oropouche (glifo). © Robert Kalb/Imago

L’obiettivo è indagare la possibilità di diffusione da parte di potenziali vettori del virus, come zanzare e zanzare, molto diffusi in Italia. Il caso è stato immediatamente segnalato alle competenti autorità sanitarie della Regione Veneto e dello Stato, nonché ai servizi internazionali di informazione e monitoraggio. La febbre Oropouche è uno degli arbovirus più diffusi in Sudamerica. Dal 1955 sono stati diagnosticati più di 500.000 casi, anche se il numero di casi non segnalati potrebbe essere più elevato.

Malattia virale tropicale Febbre Oropouche: i suoi sintomi sono simili alla febbre dengue

“I sintomi compaiono solitamente dai 3 agli 8 giorni dopo il morso del vettore e sono molto simili a quelli di altre febbri virali tropicali come la dengue, la Zika o la chikungunya”, spiega Concetta Castellitti, responsabile del Dipartimento di Virologia e Patogeni Emergenti dell’International Cancer Centro. Questi includono:

  • Alta temperatura (più di 39 gradi)
  • mal di testa
  • Dolore nella zona delle orbite
  • pelle d’oca
  • nausea
  • Vomito
  • Malessere generale
  • Mialgia
  • Dolori articolari
  • Sensibilità alla luce
  • Fonte: Agenzia Italiana di Stampa (ANSA) e Organizzazione Mondiale della Sanità

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, le persone infette guariscono nella maggior parte dei casi entro sette giorni, mentre in casi isolati il ​​recupero può richiedere settimane. Sintomi clinici gravi sono rari ma possono portare a meningite asettica. Non esiste un trattamento o una vaccinazione specifica per la febbre di Oropouche. I pazienti vengono trattati sintomaticamente e monitorati dal punto di vista medico La Repubblica menzionato. Ad oggi non è stata documentata alcuna trasmissione del virus da uomo a uomo.

Primo caso di febbre dell’Oropouche in Europa: la scienza giunge a conclusioni positive

Gli esperti confermano a gran voce La RepubblicaLa febbre Oropouche, come altri arbovirus, rappresenta un’emergenza sanitaria pubblica che deve essere affrontata di fronte ai cambiamenti climatici e all’aumento della mobilità umana. I virus che prima si trovavano solo nelle regioni tropicali sono ora endemici altrove. Nella regione del Mediterraneo, le strutture sanitarie dovrebbero essere preparate ad affrontare potenziali nuovi agenti patogeni.

Isolando il virus, gli scienziati dell’IRCCS hanno ottenuto un vantaggio decisivo, consentendo diagnosi e ricerche migliori. “La diagnosi tempestiva e il monitoraggio continuo, insieme alle misure di salute pubblica come il controllo dei parassiti, rimangono lo strumento più importante per mitigare questi rischi”, afferma il rapporto.

Ce n’era uno all’inizio dell’anno Diffusa epidemia di dengue in Brasile. (sbloccare)

Related articles

Adolescente (25) ucciso durante un rituale sciamanico in Italia – Gli investigatori rilasciano dettagli sulla causa della morte

tzil mondostava in piedi: 14 luglio 2024, 6:18Da: Robin DittrichPremeredivisoLa morte di un barista di 25 anni ha...

Il piano del semaforo non influisce solo sul tipo di motore del veicolo elettrico

Home pageun lavorostava in piedi: 14 luglio 2024, 4:52da: Patrick FreewahInsisteDivideIl governo federale non intende solo promuovere i...