Marzo 4, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il nostro Sole potrebbe ospitare un buco nero – “senza che ce ne accorgiamo”

Il nostro Sole potrebbe ospitare un buco nero – “senza che ce ne accorgiamo”
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Il sole è stato catturato dal telescopio solare SOHO della NASA. ©IMAGO/piemags/NASA

I buchi neri possono effettivamente esistere nelle stelle. Un gruppo di ricerca ha ora acquisito informazioni sorprendenti sulle stelle di Hawking.

Garshing – Il mondo della ricerca a volte è pieno di strani esperimenti mentali. Uno di questi esperimenti fu condotto dal defunto fisico Stephen Hawking negli anni '70. Pensò alle stelle che avevano un buco nero al loro interno – le “stelle Hawking” che portavano il suo nome. Sebbene tali stelle non siano ancora state scoperte, la teoria di Hawking ispira ancora gli scienziati a riflettere sulla questione.

Secondo la teoria di Hawking, la stella di Hawking ospita un buco nero primordiale, un piccolo buco nero formatosi poco dopo il Big Bang. Uno di questi potrebbe essere catturato da una stella appena formata. Un team di scienziati guidati dall’Istituto Max Planck di Astrofisica (MPA) di Garching ha modellato l’evoluzione delle “stelle di Hawking” e ha ottenuto alcune informazioni affascinanti. Era il tuo lavoro Nel famoso Giornale astrofisico pubblicato.

Le stelle Hawking non sono ancora state scoperte

“Gli scienziati a volte fanno domande folli per approfondire le loro conoscenze”, afferma Selma de Mink, capo della divisione di ricerca stellare dell'MPA. “Non sappiamo nemmeno se questi buchi neri primordiali esistano o meno, ma possiamo comunque eseguire un interessante esperimento mentale”, aggiunge.

Se una stella appena formata dovesse catturare un buco nero con la massa di un asteroide o di una piccola luna, diventerebbe una “stella di Hawking”. Secondo la teoria di Hawking, il buco nero crescerà solo lentamente perché la luminosità della stella fa sì che solo una piccola quantità di gas cada sul buco nero.

Il team dell’MPA ha modellato l’evoluzione di una stella del genere, tenendo conto delle diverse masse iniziali del buco nero. Il risultato sorprendente: se la massa del buco nero fosse piccola, la sua esistenza non verrebbe osservata e la stella sarebbe indistinguibile da una stella normale.

Il Sole potrebbe contenere un buco nero delle dimensioni di Mercurio

“Le stelle con un buco nero al centro possono vivere periodi sorprendentemente lunghi”, commenta Earl Patrick Bellinger, responsabile dello studio. Bellinger ha fatto una nuova interessante scoperta: “Il nostro Sole potrebbe anche avere al centro un buco nero, delle dimensioni del pianeta Mercurio, senza che ce ne accorgiamo”.

La differenza principale tra una stella normale e una stella Hawking si trova vicino al nucleo: la gravità del buco nero fa sì che sia lui a trasportare il carico. Tuttavia, questo non sarebbe visibile sulla superficie della stella. Solo il campo relativamente nuovo dell’astrosismologia può dimostrarlo, secondo una dichiarazione dell’MPA. Solo in una fase successiva dell'evoluzione di una stella, quando diventa una gigante rossa, il buco nero al suo interno può dare origine a firme distinte.

Tuttavia, secondo il gruppo di ricerca, sono necessarie ulteriori simulazioni per determinare gli effetti del buco nero centrale su diversi tipi di stelle.

La ricerca delle “stelle di Hawking” potrebbe portare alla scoperta di buchi neri primordiali

Finora non sono state scoperte né stelle di Hawking né buchi neri primordiali. Ma la ricerca delle “stelle di Hawking” potrebbe portare alla scoperta di minuscoli buchi neri, ritiene il gruppo di ricerca. “Sebbene il Sole sia usato qui solo come esempio, ci sono buone ragioni per credere che le ‘stelle di Hawking’ siano comuni negli ammassi globulari e nelle galassie nane molto deboli”, sottolinea Matt Kaplan, coautore dello studio. Da: “Ciò significa che” Le stelle di Hawking potrebbero essere uno strumento per testare l'esistenza dei buchi neri primordiali e il loro possibile ruolo nella materia oscura.

Un gruppo di ricerca ha recentemente scoperto il buco nero più antico finora conosciuto, ma non è affatto piccolo. Nel frattempo, un noto matematico sta cercando di dimostrare che Stephen Hawking aveva torto riguardo al “funzionamento interno” dei buchi neri. (fattura non pagata)

L'editore ha scritto questo articolo e poi ha utilizzato un modello linguistico AI per migliorarlo a sua discrezione. Tutte le informazioni sono state attentamente controllate. Scopri di più sui nostri principi di intelligenza artificiale qui.