Dicembre 6, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I timori sui tassi di interesse sono tornati a crescere: i mercati azionari statunitensi sono nuovamente scesi


Rapporto di mercato

Stato: 29/09/2022 22:18

Dopo una breve pausa di ieri, oggi Wall Street ha chiuso chiaramente in rosso. I buoni dati sul mercato del lavoro provenienti dagli Stati Uniti stanno alimentando i timori degli investitori di ulteriori forti aumenti dei tassi di interesse.

Le preoccupazioni per i forti aumenti dei tassi di interesse e un’imminente recessione continuano a attanagliare Wall Street. Dopo il sesto giorno consecutivo di perdite, ieri le borse americane hanno fatto un balzo sorprendentemente forte. Ma fino ad oggi tutti i profitti sono spariti. I forti dati economici dagli Stati Uniti e i timori di un aumento dei tassi di interesse hanno portato a una massiccia ondata di vendite. Il numero di richieste di sussidi di disoccupazione settimanali iniziali è diminuito in modo sorprendente e significativo la scorsa settimana. Il mercato sta attualmente reagendo a questi segnali con estrema cautela.

Il Leading Dow Jones Industrial Average degli Stati Uniti è sceso di conseguenza, scendendo dell’1,54% a 29.226 punti entro la fine della giornata di negoziazione. L’indice ha perso più dell’8% dall’inizio di settembre. Il più ampio Standard & Poor’s 500 Index è sceso del 2,11%, mentre l’high-tech Nasdaq 100 ha perso il 2,86%. Il settore tecnologico contiene molti titoli di alto valore; L’industria reagisce in modo sensibile a tassi di interesse più elevati, perché i profitti aziendali più elevati in futuro sono meno preziosi in questo momento.

“Stiamo passando da un ambiente a basso rendimento a un ambiente ad alto rendimento”, ha affermato Andrea Cission, chief investment strategist presso la casa di ricerca TS Lombard. Gli investitori hanno valutato i rischi per l’economia e il catalizzatore di ciò sono stati gli aumenti dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve e di altre banche centrali. Il timore di problemi di finanziamento nei paesi con disavanzi di parte corrente elevati è diventato molto reale.

L’indice DAX è sceso sotto i 12.000 punti

Il DAX non ha chiuso la giornata di negoziazione con un segno più. L’inflazione del 10% ei forti dati economici degli Stati Uniti hanno rovinato l’atmosfera per l’indice principale tedesco. Il più importante indice tedesco è sceso oggi dell’1,7 per cento a 11.976 punti. Anche l’indice MDAX delle società a media capitalizzazione è sceso in modo significativo, scendendo del 2,4% a 21.791 punti.

Il tasso di inflazione sale al dieci per cento

È probabile che i mercati siano primari La stima dell’inflazione dell’Ufficio federale di statistica Causando disagio a settembre. Ad esempio, il tasso di inflazione in Germania è salito al dieci per cento dopo la cessazione del biglietto da 9 euro e dello sconto sui serbatoi, il livello più alto degli ultimi 70 anni.

“L’inflazione sta infrangendo la barriera del suono”, ha affermato il capo economista Thomas Getzel di VP Bank. Non ci si può aspettare un rapido raffreddamento e per ora l’inflazione rimarrà nell’intervallo a due cifre. Un altro aumento del tasso di 0,75 punti percentuali sembra altamente probabile alla prossima riunione dei tassi a fine ottobre. “Allo stesso tempo, le discussioni su una mossa più grande stanno guadagnando slancio”, ha continuato Getzel. Sebastian Dollian dell’istituto pro-sindacato IMK afferma anche che l’inflazione non ha ancora raggiunto il picco. “Nei prossimi mesi le cose continueranno a migliorare”.

READ  Smachnoho!: Anastasia crauti con barbabietola

Porsche AG con aspetto misto

Guerra, inflazione e paura della recessione: i presagi potrebbero essere peggiori per chiunque Offerta pubblica iniziale difficilmente essere. Tuttavia, il produttore di auto sportive Porsche è riuscito a bypassarlo. È stato misurato rispetto a un massimo giornaliero di € 86,76 e ha avuto molto successo. Tuttavia, le banche consorziate hanno avuto qualche difficoltà a difendere il livello del prezzo di emissione a 82,50 euro. A fine contrattazione il titolo è sceso in modo significativo e ha chiuso a 82,50 euro, esattamente al livello del prezzo di emissione. Per gli azionisti VW e il principale azionista Porsche SE, non c’erano molte ragioni per essere felici. I titoli di Porsche SE sono stati colpiti particolarmente duramente con un -11,4 per cento alla fine del DAX. Volkswagen Advantage ha perso più del sei percento.

alti e bassi con l’euro

L’euro ha difeso i suoi guadagni di ieri dopo che la valuta comune ha guadagnato temporaneamente quasi 2 anni contro il biglietto verde ieri. In serata, il costo della moneta comune è stato di $ 0,9794. Nonostante la ripresa, l’Euro è ancora sotto forte pressione sui mercati finanziari. La guerra in Ucraina, la crisi energetica e le recenti prospettive economiche cupe hanno fatto scendere l’euro al minimo da 20 anni. “Resistere (contro la forza del dollaro) è inutile”, ha detto ING. Che si tratti dell’economia statunitense sorprendentemente forte o della guerra energetica in Europa, tutto parla di ulteriori guadagni nel tasso di cambio del dollaro.

Un possibile taglio alla produzione sostiene il prezzo del petrolio

La prospettiva di tagli alla produzione da parte dei paesi OPEC+ sta dando un vento contrario al prezzo del petrolio. Il Brent del Mare del Nord ha ridotto le sue perdite di oltre il 2% a volte ed è stato solo leggermente inferiore a $ 88,57 al barile. Secondo fonti informate, i membri del cartello di esportazione allargato, che include la Russia, stanno discutendo una mossa nella loro prossima riunione del 5 ottobre.

Vietare i metalli russi a Londra?

Un possibile divieto al commercio di metalli industriali russi sul London Metal Exchange (LME) ha fatto salire i prezzi. L’alluminio a volte ha guadagnato fino all’8,5% e il nichel fino al 6% oggi, ma hanno rinunciato a gran parte dei guadagni in seguito nel commercio. Secondo fonti informate, la Borsa di Londra sta valutando il divieto del nichel del produttore Nornickel e dell’alluminio di Rusal. I due gruppi russi forniscono il sette e il sei per cento della domanda mondiale dei minerali in questione.

Siemens Gamesa vuole tagliare migliaia di posti di lavoro

Nel corso del suo programma di conversione, Siemens Gamesa, produttore di turbine eoliche in difficoltà, vuole tagliare migliaia di posti di lavoro. La sussidiaria del gruppo di tecnologia energetica Siemens Energy ha annunciato oggi che 2.900 posti di lavoro andranno persi in tutto il mondo al più tardi entro l’anno fiscale 2025. Gran parte di essa andrà perduta con circa 800 posti di lavoro in Danimarca, 475 in Spagna e 300 in Germania.L’azienda lavorerà con i rappresentanti dei dipendenti, privilegiando le fluttuazioni naturali oi trasferimenti interni.

READ  Dopo aver controllato le finanze: Evergrande avverte di default | newsletter

Gamesa sta lottando con l’aumento dei costi, la carenza di materiali e i problemi delle turbine di terra e prevede perdite per l’anno fiscale in corso 2021/22 (che termina alla fine di settembre). Il gruppo aveva già dovuto abbassare le proprie aspettative più volte. Per stabilizzare e migliorare la redditività a medio termine, il CEO Jochen Eckholt vuole riorganizzare il gruppo. Il maggiore azionista, Siemens Energy, ha annunciato l’intenzione di acquisire completamente la controllata in difficoltà. Le azioni Siemens Gamesa sono leggermente aumentate, mentre le azioni della società madre Siemens Energy sono scese di oltre il tre percento.

Lindt vince la disputa sui coniglietti di cioccolato

Il produttore di dolciumi svizzero Lindt & Sprüngli ha ottenuto un altro successo nella protezione dei conigli di cioccolato. Il Tribunale federale svizzero di Losanna ha pubblicato oggi una sentenza secondo la quale Lidl Schweiz AG e Lidl Schweiz DL AG non possono più vendere prodotti simili perché esiste il rischio di confusione con conigli Lindt avvolti in lamina d’oro. Inoltre, secondo la sentenza della Cassazione, tutti i conigli rimasti nella catena di supermercati devono essere distrutti. La corte ha ritenuto che il coniglio Lindt fosse protetto dal cosiddetto marchio di forma perché aveva avuto successo sul mercato. “Data la loro impressione generale, i conigli Liddell suscitano chiare associazioni con la forma del coniglio Lindt; sono indistinguibili nella memoria del pubblico”, ha detto in una nota.

Storm “Ian” perde azioni di Flug

Le compagnie aeree e le compagnie di crociera sono state tra le perdenti nel mercato azionario statunitense a causa della cancellazione o della deviazione di molti voli e crociere a causa della tempesta Ian. American Airlines, Delta e United, così come Carnival Cruise, Royal Caribbean e Norwegian, sono scese tutte tra il 3% e il 5%. Poiché anche molti negozi sono rimasti chiusi, rivenditori come Target o Home Depot hanno perso circa il 2%.

Apple non è più un porto sicuro?

Tra i maggiori perdenti nell’indice Dow Jones leader negli Stati Uniti, le azioni del produttore di iPhone Apple hanno perso oltre il quattro percento. Uno studio scettico della Bank of America lo ha dimostrato un peso. L’analista Wamsey Mohan scrive che i giornali sarebbero serviti come una sorta di rifugio sicuro nell’ambiente attualmente difficile, ma allo stesso tempo, opportunità e rischi stanno tornando più o meno equilibrati. L’esperto ha evidenziato la debolezza nell’area dei contenuti e dei servizi nonché la domanda alquanto scarsa per l’iPhone, che indica un calo della spesa dei consumatori.

Google interrompe il servizio di streaming Stadia

READ  Molto al di sopra delle aspettative: Amazon ispira gli investitori

L’azienda americana Google ha annunciato che il suo ingresso nel campo dei videogiochi online è fallito. Il gigante di Internet sta chiudendo il suo servizio di streaming di giochi Stadia. Con queste offerte, i videogiochi non vengono giocati sui computer o sulle console degli utenti, ma sui server dei provider online e sono controllati con l’aiuto di swipe. Molti esperti considerano le soluzioni come il futuro dell’industria dei giochi. Stadia non ha ricevuto abbastanza incoraggiamento dagli utenti, ha ammesso Google nel post sul blog di oggi. I clienti potranno utilizzare i loro giochi fino al 18 gennaio del prossimo anno e dovranno essere rimborsati per le spese hardware e software.

Richiesta di riassicurazione

Le azioni di Munich Re e Hannover Re si sono messe a proprio agio nelle prime posizioni nella lista dei vincitori del DAX. Gli investitori hanno tratto conforto dall’indebolimento del furioso uragano della Florida Ian mentre si faceva strada attraverso lo stato degli Stati Uniti. Inizialmente, i meteorologi hanno abbassato il punteggio al minimo, uno su cinque. Il giorno prima i valori del settore sono crollati per il timore che l’uragano potesse causare perdite molto ingenti, che alla fine avrebbero colpito i riassicuratori.

I valori dell’acciaio perdono drammaticamente

La situazione è del tutto opposta per le azioni Thyssenkrupp e Salzgitter con meno rispettivamente il nove e il sette percento. I commercianti hanno segnalato la notizia che le primarie società industriali ad alto consumo di elettricità hanno ridotto la loro produzione a causa del forte aumento dei prezzi dell’energia. E quindi ArcelorMittal, il più grande gruppo siderurgico d’Europa, fermerà due stabilimenti nel nord della Germania da ottobre.

Il capo di Varta si dimette

Herbert Shine, CEO di Varta Battery Group, si dimetterà dal suo incarico con effetto immediato. Tuttavia, la società ha annunciato oggi che rimarrà nel consiglio di amministrazione fino alla fine dell’anno. Varta ha citato la creazione di un nuovo quartiere degli affari come motivo. Schein promuove affari con mobilità elettronica e pacchi batteria. Le attività saranno raggruppate in una società separata in futuro. Ha aggiunto che Marcus Hackstein fungerà da portavoce del consiglio. In MDAX, il titolo del produttore di batterie era il triste fondo con perdite di oltre il dieci percento.

Perdite di prezzo per i rivenditori

Nel settore della vendita al dettaglio, gli investitori in tutta Europa sono ancora una volta costretti ad accettare enormi perdite di prezzo. Dopo la debolezza degli affari nel terzo trimestre, il gruppo di moda Hennes & Mauritz (H&M) ha avuto un inizio migliore a settembre. Tuttavia, le prospettive per i prossimi mesi sono molto negative, anche a causa dei continui elevati costi di acquisto dovuti al rafforzamento del dollaro. Le azioni hanno risposto in alcuni casi con forti tagli. Anche le azioni del rivenditore online tedesco Zalando hanno perso oltre il sei percento.