I bevitori di caffè hanno meno probabilità di sviluppare la malattia di Parkinson

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  1. Giornale di Fulda
  2. consulente

Un nuovo studio mostra che i bevitori di caffè hanno un rischio minore di sviluppare la malattia di Parkinson. La ricerca evidenzia gli effetti protettivi della caffeina. Leggi qui esattamente come il caffè aiuta.

FRANCOFORTE – Un recente studio ha fatto un’importante scoperta: le persone che consumano regolarmente caffè hanno un rischio minore di sviluppare la malattia di Parkinson. Questa ricerca, che è condotta come parte di Studio EPIC4PD Questa ricerca fornisce nuove informazioni sui potenziali effetti protettivi della caffeina e dei suoi metaboliti.

La malattia di Parkinson è una delle malattie neurodegenerative più comuni e colpisce milioni di persone in tutto il mondo. alto Theodor Wenzel Werke Volta Attualmente circa 400.000 persone in Germania soffrono di questa malattia. Nonostante le ricerche approfondite, attualmente non esiste un trattamento preventivo o curativo. IL Studio EPIC4PD ha ora studiato la relazione tra il consumo di caffè e l’insorgenza del morbo di Parkinson analizzando i dati di oltre 184.000 partecipanti provenienti da sei paesi europei. Lui scrive fr.de.

Metaboliti: cos’è?

I metaboliti sono prodotti intermedi del metabolismo che vengono costantemente costruiti, scomposti e convertiti. Le loro concentrazioni sono influenzate dai geni e dall’ambiente. I ricercatori utilizzano queste reti dinamiche per trarre conclusioni sulla composizione genetica di un organismo e sulle sue proprietà nascoste. I metaboliti includono enzimi, molecole segnale, proteine, lipidi e zuccheri, molti dei quali rimangono sconosciuti. L’analisi dei metaboliti determina le masse di sostanze presenti nella cellula. A volte una molecola può essere identificata dal suo peso specifico, a volte tutto ciò che rimane è la massa di una molecola sconosciuta.

fonte: Istituto Max Planck (www.mpimp-golm.mpg.de/metabolitenprofiling)

La relazione tra consumo di caffè e malattia di Parkinson: risultati dello studio

I risultati sono promettenti. I ricercatori hanno scoperto che le persone che bevevano più caffè avevano un rischio inferiore del 37% di sviluppare la malattia di Parkinson rispetto a coloro che non bevevano caffè. Un altro elemento centrale dello studio è stato l’esame dei metaboliti della caffeina nel sangue dei partecipanti. I ricercatori hanno analizzato campioni prelevati prima che fosse diagnosticata la malattia di Parkinson e hanno scoperto che concentrazioni più elevate di caffeina, così come dei suoi principali metaboliti, paraxantina e teofillina, erano associate a un rischio inferiore.

I benefici per la salute del caffè sono indiscutibili. Ma un nuovo studio mostra anche i possibili effetti legati alla malattia di Parkinson. © Immagini Imago

Questi risultati potrebbero avere implicazioni pubbliche significative salute avere. Il caffè è una delle bevande più consumate in tutto il mondo. E solo in Germania, secondo un rapporto pubblicato nell’aprile 2023 Sondaggio di mercato condotto dall’Associazione tedesca del caffè Si consumano quattro tazze a persona.

Effetti del caffè sulla malattia di Parkinson: sono necessari ulteriori studi

Comprenderne i potenziali effetti protettivi potrebbe supportare nuove strategie di prevenzione contro la malattia di Parkinson. Perché secondo le attuali conoscenze scientifiche, la malattia di Parkinson non può essere fermata, e lo è Demenza, incurabile. La malattia di Parkinson, secondo Società tedesca per la malattia di Parkinson e i disturbi del movimento (DPG).È la seconda malattia neurodegenerativa più diffusa dopo la malattia di Alzheimer. Tuttavia, è importante sottolineare che questo studio dimostra solo l’associazione, non la causalità.

Pertanto, sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere i meccanismi precisi attraverso i quali la caffeina e i suoi metaboliti possono ridurre il rischio di malattia di Parkinson. Queste nuove scoperte non solo forniranno speranza per possibili strategie di prevenzione, ma amplieranno anche la nostra comprensione delle complesse relazioni tra nutrizione e malattie neurodegenerative. (Sterlina siriana)

Related articles

Napoli: due morti e 13 feriti dopo il crollo di un balcone a Scampia

Un tragico incidente ha scosso il quartiere di Scampia a Napoli: è crollata la galleria di collegamento, provocando...

Shiloh Jolie, la figlia di Angelina Jolie, vuole eliminare il nome di suo padre Brad Pitt

Cosa accadrà dopo: Shiloh Jolie-Pitt vuole abbandonare il cognome di suo padre Brad Pitt e il mondo intero...

Rughe con l’avanzare dell’età e come accelerano il processo

Prima o poi a tutti verranno le rughe. Molti cercano di combatterlo con uno stile di vita...