“Gli astronauti hanno bisogno della dialisi sulla via del ritorno.”

Date:

Share post:

Edoardo Borroni
Edoardo Borroni
"Fanatico di alcol esasperantemente umile. Praticante di birra impenitente. Analista."
  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Insiste

Ci sono radiazioni pericolose al di fuori del campo magnetico terrestre. Un nuovo studio mostra che ciò potrebbe rendere più difficili i lunghi viaggi su Marte.

LONDRA – I viaggi nello spazio sono stressanti per il corpo umano, e non solo a causa dei violenti lanci di razzi. L’assenza di gravità nello spazio colpisce anche gli esseri umani, proprio come le radiazioni nello spazio. Bassa densità ossea, perdita ossea e problemi cardiaci e visivi sono stati riscontrati negli astronauti dopo i viaggi spaziali e si è verificato anche lo sviluppo di calcoli renali.

La ricerca suggerisce che molti di questi problemi di volo spaziale derivano dall’esposizione delle persone alle radiazioni spaziali nello spazio. Ciò si riferisce, ad esempio, al vento solare o alla radiazione cosmica galattica (GCR) proveniente dallo spazio profondo: il campo magnetico terrestre protegge gli abitanti del pianeta da entrambi. Ad esempio, una persona a bordo della ISS a un’altitudine di 400 km si troverebbe in gran parte al di fuori del campo magnetico e in balia del vento solare.

Le persone sono esposte alle radiazioni spaziali durante il loro viaggio verso Marte

Anche le 24 persone che lasciarono l’orbita terrestre bassa per andare sulla Luna negli anni ’60 e ’70 furono esposte ai raggi cosmici galattici (GCR). Tuttavia, sono rimasti per diversi giorni in una zona dove non erano protetti dalle radiazioni. Per le future missioni su Marte la situazione sarà diversa: solo un viaggio di andata e ritorno sul Pianeta Rosso richiederebbe diversi mesi, più un soggiorno di ricerca su Marte. Cosa succede allora al corpo umano quando viene esposto alle radiazioni cosmiche galattiche per un lungo periodo?

Ecco come potrebbe apparire se in futuro gli astronauti conducessero ricerche su Marte. Ma il viaggio verso il Pianeta Rosso e ritorno è pericoloso a causa delle radiazioni spaziali. © Montaggio

Un gruppo di ricerca dell’University College di Londra (UCL) ha ripreso questa domanda e l’ha applicata specificamente ai reni. Analisi dei reni di persone e animali che sono stati nello spazio hanno dimostrato che i reni vengono “rimodellati” dalle condizioni nello spazio, con alcuni tubuli renali, responsabili della regolazione dell’equilibrio del calcio e del sale, che scompaiono dopo meno di un mese nello spazio. Lo spazio mostrava segni di restringimento.

Perché nello spazio si verificano problemi come i calcoli renali?

Keith Siu, leader dello studio, Nella rivista specializzata Comunicazioni sulla natura pubblicato Ha sottolineato: “Sappiamo cosa è successo agli astronauti nelle missioni spaziali relativamente brevi effettuate finora, ovvero un aumento di problemi di salute come i calcoli renali. Ciò che non sappiamo è il motivo per cui si verificano questi problemi e cosa accadrà agli astronauti nelle missioni di lunga durata, come la prevista missione su Marte.

Per scoprirlo, lo studio ha esposto i topi ai raggi cosmici galattici simulati da una missione su Marte di 1,5 e 2,5 anni. Il risultato allarmante è che i reni dei topi che hanno ricevuto 2,5 anni di radiazioni sono stati permanentemente danneggiati e non funzionavano più.

Viaggio pericoloso su Marte: i reni potrebbero cedere durante il lungo viaggio

“Se non sviluppiamo nuovi metodi per proteggere i reni, direi che un astronauta potrebbe arrivare su Marte ma avrà bisogno di dialisi sulla via del ritorno”, afferma Siu. Il ricercatore prosegue: “Sappiamo che compaiono solo i reni”. Segni tardivi di danni da radiazioni. Quando ciò diventerà chiaro, sarà probabilmente troppo tardi per evitare il fallimento, il che sarebbe disastroso per le possibilità di successo della missione.

Radiazione nello spazio

Trascorrere un anno sulla Stazione Spaziale Internazionale (a un’altitudine di 400 km) espone gli astronauti a una dose di radiazioni superiore del 50% rispetto al limite di cinque anni per i lavoratori del settore nucleare.

La missione spaziale speciale “Inspiration4” ha volato ad un’altitudine di 200 chilometri sopra la Stazione Spaziale Internazionale. L’equipaggio ha ricevuto in tre giorni la stessa quantità di radiazioni che avrebbe ricevuto durante i nove mesi di permanenza sulla Stazione Spaziale Internazionale.

Durante un anno su Marte, una persona sarebbe esposta alla stessa quantità di radiazioni di un testimone oculare della bomba atomica di Hiroshima. Una missione su Marte di tre anni significherebbe sei volte più radiazioni.

Proteggere i reni durante le missioni su Marte aiuta anche le persone sulla Terra

Il gruppo di ricerca ne conferma uno avviso Tuttavia, ora che hai identificato il problema, puoi cercare una soluzione. “Il nostro studio sottolinea il fatto che i reni svolgono un ruolo chiave quando si pianifica una missione spaziale”, ha affermato il coautore Stephen P. Walsh. “Non è possibile proteggerli dalle radiazioni galattiche con gli scudi, ma se impariamo di più sulla biologia dei reni, potrebbe essere possibile sviluppare misure tecniche o farmacologiche che rendano più facili i voli spaziali lunghi”.

A loro volta, anche le persone che rimangono sulla Terra potrebbero trarne vantaggio, afferma Walsh: “I farmaci sviluppati per gli astronauti potrebbero essere utili anche qui sulla Terra, ad esempio consentendo ai reni dei malati di cancro di funzionare a livelli di dosi più elevati”. Della radioterapia, perché i reni sono uno dei fattori determinanti in questo senso. (fattura non pagata)

Related articles