Novembre 26, 2022

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Diversità negativa: le cose buone sono le stesse, le cose cattive sono diverse. – Conoscenza

I personaggi stessi sono sempre dal lato positivo della vita. Basta dare un’occhiata ai fortunati e belli ricchi su Instagram per ottenere questo imbuto. Le persone che sono state baciate accidentalmente nelle stesse pose si trovano di fronte agli stessi status symbol, mostrano lo stesso sorriso e si assomigliano in modo confuso.

Dove cade la brillante luce della felicità, ci sono poche ombre e quasi nessun contrasto. Lo scrittore russo Leo Tolstoj ha fornito la citazione letteraria per questo film con la frase di apertura di Anna Karenina: “Tutte le famiglie felici sono simili, ogni famiglia infelice è infelice a modo suo”, scrisse lì. E sembra aver colpito nel segno: da allora, gli psicologi si sono occupati della questione inerente a questa affermazione e sono giunti più volte alla conclusione che il cattivo ha più lati del buono.

Rumen Iliev del Toyota Research Institute di Los Altos, USA e Will Benes dell’Università di Economia e Commercio di Praga, hanno pubblicato uno studio che aggiunge un altro capitolo alla letteratura di ricerca sul fenomeno. Le persone felici, sane e ricche sono più simili in molti modi, come carattere e valori, rispetto alle persone che sono meno corrotte nella vita. I ricercatori lo hanno riportato in Lavoro pubblicato sul server di prestampa PsyArXivche non è stato recensito da altri studiosi.

Iliev e Bennis hanno valutato diversi set di dati di grandi dimensioni per il loro lavoro. Questi includono l’Australian Hilda Study, in cui sono stati intervistati regolarmente più di 17.000 partecipanti tra il 2001 e il 2016. Per il set di dati, sono stati messi in discussione anche i tratti della personalità dei Big Five delle persone, forse la misura più popolare della personalità. Inoltre, sono state determinate la validità e la soddisfazione dei partecipanti allo studio. Inoltre, Iliev e Bennis hanno analizzato parte del World Values ​​​​Survey, in cui oltre 89.000 partecipanti provenienti da 60 paesi hanno fornito informazioni su standard simili per diversi anni. In entrambi i set di dati, i risultati delle analisi della personalità dei Big Five erano tanto più simili quanto più i soggetti erano simili al lato solare della vita. In entrambi gli studi, queste persone hanno ottenuto punteggi anche nei test cognitivi più simili rispetto a quelli delle persone che hanno avuto un periodo più difficile nella vita.

READ  Corona: tasso di infezione, tasso di vaccinazione e altri dati correnti NDR.de - News

Negli ultimi decenni, gli psicologi hanno trovato numerose prove di una maggiore diversità e di un impatto negativo più forte. Ad esempio, le persone ricordano meglio gli eventi negativi. Riconoscono più velocemente le parole con significati malvagi e ce ne sono di più nella maggior parte delle lingue: lo spazio semantico occupato dal cattivo si espande più di quanto afferma il buono. Ad esempio, la descrizione delle emozioni negative si basa su un vocabolario più ampio di quello degli stati felici. Le cattive notizie ottengono comunque più attenzione. Infine, gli atti di odio risvegliano un più forte bisogno di nominare la causa e il colpevole, il che porta rapidamente all’illusione della causalità.

Apparentemente, quindi, Iliev e Bennis hanno concluso che Leo Tolstoj ha detto la verità nel suo primo grande movimento “Anna Karenina”. La domanda rimane: perché il male è più vario? Si può solo speculare su questo. Presumibilmente, un pensiero ed eventi così negativi creano più pressione per comprendere e analizzare, in modo da poterli evitare in futuro.