Aprile 23, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Conflitto ucraino: “Ho seri dubbi sul fatto che la Cina agisca da intermediario onesto qui”, afferma Hofreiter

Conflitto ucraino: “Ho seri dubbi sul fatto che la Cina agisca da intermediario onesto qui”, afferma Hofreiter
al di fuori Un appello al cessate il fuoco

“Ho seri dubbi sul fatto che la Cina agisca da broker onesto qui”, afferma Hofreiter.

“Senza la Cina la Russia non avrebbe attaccato”

Dov’è la comunità internazionale dopo un anno di guerra in Ucraina? Marie-Agnes Strack-Zimmermann ritiene che ci troviamo a un bivio per capire se possiamo davvero consentire alle generazioni future di sperimentare ciò che abbiamo potuto sperimentare noi: un’Europa in crescita, pace e democrazia.

Puoi ascoltare il podcast di WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati, è necessario il tuo consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati come fornitori di terze parti richiedono tale consenso [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore a levetta su ON, acconsenti a questo (che può essere revocato in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati Dati personali in altri paesi, inclusi gli Stati Uniti d’America, in conformità con l’articolo 49 (1) (a) GDPR. Puoi trovare maggiori informazioni su questo. Puoi revocare il tuo consenso in qualsiasi momento tramite lo switch e la Privacy Policy in fondo alla pagina.

In un documento in 12 punti, la Cina presenta il suo piano per risolvere la guerra in Ucraina. La Repubblica popolare chiede un cessate il fuoco e negoziati tra Kiev e Mosca. I politici tedeschi criticano la mossa di Pechino.

UNTon Hofreiter (I Verdi), presidente della Commissione europea al Bundestag, è scettico sulle proposte cinesi di porre fine alla guerra in Ucraina. Naturalmente, gli sforzi di pace dovrebbero essere accolti in linea di principio, ha affermato Hofreter Welt. Il presupposto per la pace tra Ucraina e Russia è il ritiro delle forze russe dal territorio ucraino. “Ho seri dubbi sul fatto che la Cina agisca da broker onesto qui”.

Hooverter ha detto che l’ultima risoluzione delle Nazioni Unite la Cina si è nuovamente astenuta e non ha condannato l’attacco. Ci sono indicazioni che la Cina voglia anche sostenere militarmente la Russia in futuro, ad esempio con droni kamikaze. “Questo non indica neutralità, ma piuttosto un doppio gioco a spese delle vittime della guerra ucraina”, ha aggiunto.

Leggi anche

WELT autore Deniz Yocel

pubblico critico

Anche la presidente del Comitato per la difesa, Marie Agnes Strack Zimmerman (FDP), ha espresso dubbi sul potenziale ruolo della Cina come pacificatore. “Se non fosse stato per la Cina, la Russia non avrebbe attaccato”, ha detto Strack-Zimmermann a WELT TV, “Putin – ricordiamo – solo un anno fa alle Olimpiadi ha avuto il via libera”. Questo è ciò che sostiene questa amicizia”.

La Cina chiede un cessate il fuoco in Ucraina e chiede negoziati

La Cina aveva precedentemente chiesto un cessate il fuoco nella guerra in Ucraina. Il tanto atteso documento in 12 punti diffuso venerdì dal ministero degli Esteri a Pechino chiede anche un’immediata ripresa dei negoziati tra Ucraina e Russia. Il documento di posizione afferma: “Il dialogo e il negoziato sono l’unica soluzione possibile alla crisi ucraina”. Tuttavia, gli sforzi della Cina per essere maggiormente coinvolta nelle proposte erano stati precedentemente visti con sospetto, poiché la Cina non aveva ancora condannato la guerra di aggressione della Russia.

“Tutte le parti dovrebbero sostenere la Russia e l’Ucraina affinché lavorino nella stessa direzione e alla fine raggiungano un cessate il fuoco globale”, afferma il documento. Il conflitto e la guerra non servono a nessuno. Tutte le parti devono essere razionali, esercitare moderazione, evitare di alimentare il fuoco e impedire che la crisi peggiori o addirittura vada fuori controllo”.

Il primo punto del giornale, che gli osservatori spesso riferiscono ai confini originari dell’Ucraina, recita: “La sovranità, l’indipendenza e l’integrità territoriale di tutti i paesi devono essere effettivamente sostenute”. Ma allo stesso tempo chiede anche di “prendere sul serio i legittimi interessi di sicurezza di tutti i Paesi”. I diplomatici vedono questa formulazione come una chiara indicazione dell’argomento della Russia secondo cui deve difendersi dagli Stati Uniti e dalla NATO.

Leggi anche

Nel documento, la Cina ha anche chiesto di ridurre i rischi strategici della guerra: “Non si dovrebbero usare armi nucleari e non si dovrebbero combattere guerre nucleari”. Anche la minaccia di usare armi nucleari deve essere respinta.

Il documento era intitolato “La posizione della Cina sulla soluzione politica alla crisi ucraina”. Ma i diplomatici a Pechino sono cauti nel descrivere le proposte come una “nuova iniziativa di pace” o un “piano di pace”. Si nota la particolare vicinanza della Cina alla Russia e la sua mancanza di neutralità. Da quando l’invasione russa dell’Ucraina è iniziata un anno fa, la Cina ha sostenuto il presidente russo Vladimir Putin, definendo gli Stati Uniti e la NATO i veri colpevoli della crisi.

Leggi anche

Ancora progettato un anno dopo: il presidente dell'Ucraina Volodymyr Zelensky

Intervista a Volodymyr Zelensky

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha accolto con favore la proposta cinese ancor prima che fosse pubblicata. Parliamo di un primo passo importante. “Penso che in generale il fatto che la Cina stia iniziando a parlare di pace in Ucraina, penso che non sia male”, ha detto venerdì Zelenskyj in una conferenza stampa con il primo ministro spagnolo Pedro Sanchez.