Cancro al colon: uno studio rileva che le bevande moderne sono un fattore di rischio

Date:

Share post:

Saveria Marino
Saveria Marino
"Analista incredibilmente umile. Esperto di pancetta. Orgoglioso specialista in cibo. Lettore certificato. Scrittore appassionato. Difensore di zombi. Risolutore di problemi incurabile."
  • daGiuditta Marrone

    Vicino

Sempre più giovani si ammalano di cancro al colon. Ora gli scienziati hanno scoperto una possibile ragione. Questo è facile da evitare.

Fulda – È allarmante che il cancro del colon (cancro del colon-retto) colpisca sempre più i giovani e che il tasso di mortalità in questa fascia di età sia in aumento nonostante il miglioramento dei metodi diagnostici e terapeutici. Gli scienziati hanno ora identificato una ragione potenzialmente prevenibile per il rapido aumento dei casi di cancro al colon tra i giovani.

Le bevande più diffuse possono aumentare il rischio di cancro al colon nei giovani

Uno studio suggerisce che l’elevata incidenza del cancro al colon tra i giovani potrebbe essere collegata alle loro abitudini alimentari. Un team di ricercatori della Ohio State University ha analizzato campioni genetici di pazienti giovani e anziani affetti da cancro al colon. Hanno scoperto che i pazienti più giovani producevano batteri Fusobacterium a causa della loro dieta ricca di zuccheri e povera di fibre. Questi batteri promuovono l’infiammazione nell’intestino, accelerano l’invecchiamento delle cellule umane e quindi aumentano la suscettibilità al cancro. fr.de.

Il dolore addominale è uno dei principali segni di cancro al colon nelle persone di età inferiore a 50 anni.

© Bond5 Immagini/Imago

Pertanto, la combinazione di un elevato consumo di zuccheri e di un basso apporto di fibre ha effetti negativi sul microbioma intestinale e può essere dannoso per la salute. Inoltre, gli scienziati hanno scoperto che il consumo di bevande energetiche può contribuire ad un aumento dei casi di cancro al colon tra i giovani. Queste bevande contengono l’aminoacido taurina, che favorisce la crescita di alcuni batteri intestinali collegati al cancro del colon. Ma lo zucchero è un problema anche con le bevande.

Individuazione precoce del cancro al colon: dieci sintomi che possono indicare la presenza di un tumore

La donna sta dormendo
Il cancro del colon-retto si sviluppa gradualmente e nella maggior parte delle persone appare nelle fasi iniziali con evidente affaticamento, affaticamento e un grande bisogno di sonno. © Image Broker/Imago
La donna sente i linfonodi
Il fatto che il sistema immunitario funzioni e che l’organismo stia combattendo contro qualcosa è dimostrato anche dall’ingrossamento dei linfonodi in molte persone colpite. Se non è causato da un raffreddore o da un’infezione simil-influenzale, può anche essere causato da un cancro, soprattutto se i linfonodi ingrossati continuano a ripresentarsi o a persistere. © Biblioteca di immagini scientifiche/Imago
Donna con termometro
Anche le alte temperature e gli attacchi di febbre possono essere un indicatore di cancro all’intestino. Se hai una febbre alta frequente o regolare che non riesci a riconoscere, dovresti consultare un medico. © Sergiomonti/Imago
La donna giace sudata nel letto
Alcune persone soffrono anche di sudorazione notturna a causa della crescita del tumore nell’intestino. Se soffri ancora di sudorazione notturna, è meglio consultare un medico. © Andrey Popov/Imago
Un uomo siede stancamente al tavolo
Oltre all’estrema stanchezza, le persone affette da cancro al colon notano spesso anche un netto calo delle prestazioni sul lavoro o nella vita quotidiana. © Monkey Business 2/Imago
La persona sta sulla bilancia
Il cancro influisce sempre sul peso: la perdita di peso è spesso un sintomo del cancro al colon. Alcuni pazienti perdono fino al 10% del loro peso corporeo entro sei mesi a causa della malattia. Il tumore influenza il metabolismo dei nutrienti e interrompe la regolazione del peso. © Murad Hajji/Imago
Uomo che si tiene lo stomaco
Il cancro del colon si manifesta anche come problemi digestivi con suoni intestinali frequenti e forti, nonché gonfiore addominale grave e talvolta doloroso (flatulenza). © Sumner/Imago
Un uomo soffre di crampi allo stomaco
Dovresti prendere sul serio il dolore addominale ricorrente, simile a crampi, che dura più di cinque giorni e farlo controllare da un medico. Potrebbe essere un’indicazione di un tumore nella cavità addominale. © Yai Images/Imago
Donna che si tiene la pancia
Oltre ai dolori addominali e ai crampi, chi ne soffre spesso avverte un forte dolore allo stomaco e un indurimento dello stomaco. © Andrey Popov/Imago
Donna con borsa dell’acqua calda
Indicatori relativamente evidenti di una malattia potenzialmente grave come il cancro del colon sono gravi problemi gastrointestinali con alternanza di stitichezza e diarrea, frequente bisogno di defecare e feci marcatamente maleodoranti che possono contenere anche sangue o muco. Il sangue nelle feci è un sintomo precoce affidabile del cancro al colon. Ci sono persone affette che spesso interpretano erroneamente questo segnale d’allarme perché anche il sangue indica la presenza di emorroidi. Se noti sangue nelle feci, dovresti assolutamente sottoporti a uno screening per il cancro al colon, anche se hai le emorroidi. D’altra parte, ciò non significa che non esista cancro al colon senza sangue nelle feci. Possono esserci anche solo segni patologici individuali che indicano la presenza di un tumore nell’intestino, senza inclusioni di sangue. © Scrittore/editore di didascalie/Imago

Tre importanti sintomi principali che potrebbero indicare il cancro al colon

Spesso il cancro del colon viene riconosciuto tardi nei giovani perché i malati e i loro medici di famiglia non pensano subito a un polipo quando compaiono determinati sintomi. Tuttavia, ci sono tre segni principali di cancro al colon nei pazienti di età inferiore a 50 anni. Uno Uno studio pubblicato sulla rivista JAMA Network Open È stato dimostrato che di solito si verificano i seguenti sintomi:

  • Sangue nelle feci (nel 45% dei partecipanti)
  • Dolore addominale (nel 40% dei partecipanti)
  • Cambiamenti nelle abitudini intestinali (nel 27% dei partecipanti)

Questo articolo contiene solo informazioni generali sull’argomento sanitario in questione e non è quindi destinato all’autodiagnosi, al trattamento o alla terapia. Non sostituisce in alcun modo la visita dal medico. Alla nostra redazione non è consentito rispondere a domande individuali sulle condizioni mediche.

Immagine dell’elenco delle categorie: © Pond5 Images/ IMAGO

Related articles