Ballo presidenziale: cosa rappresentano i candidati in Iran?

Date:

Share post:

Edoardo Borroni
Edoardo Borroni
"Fanatico di alcol esasperantemente umile. Praticante di birra impenitente. Analista."

Al: 30 giugno 2024 alle 14:48

Chi sarà il nuovo presidente dell’Iran? Lo decideranno venerdì prossimo il ballottaggio. Peshkian e Jalili gareggiano per succedere al presidente Raisi, morto in un incidente. Cosa li rende diversi?

Massoud Peshkian

Fino a poco tempo fa il 69enne non figurava nella lista, eppure l’unico candidato del campo più moderato ha ottenuto il maggior numero di voti al primo turno delle elezioni presidenziali. Il 42% è andato dal “dottore”, come molti iraniani chiamano il cardiochirurgo Peshkian.

Fin dall’inizio della campagna elettorale si è espresso a favore di un allentamento dei rapporti con l’Occidente, in particolare con gli Stati Uniti. In questo modo vuole ottenere l’allentamento delle sanzioni che colpiscono gravemente l’economia iraniana e i suoi cittadini. A tal fine, Psishkian vuole rilanciare i colloqui con l’Occidente sul programma nucleare iraniano, che sono arrivati ​​a un punto morto da quando gli Stati Uniti si sono ritirati dall’accordo nucleare nel 2018.

Per quanto riguarda la politica interna, Peshkian sostiene un percorso più liberale. Durante la campagna elettorale si è espresso contro l’intervento violento della polizia quando le donne non indossavano correttamente l’hijab islamico. Ha detto di essere contrario a “tutti i comportamenti violenti e disumani” – “specialmente contro le nostre sorelle e figlie, e non permetteremo che tali atti si ripetano”.

Peseschkian si pronuncia anche contro la censura di Internet nel Paese. In un post su X, ha promesso che un potenziale governo sotto la sua guida si sarebbe opposto ai lockdown. I social network, comprese le piattaforme Instagram, X e Telegram, sono bloccati in Iran. Nonostante il blocco, su queste piattaforme sono attivi le autorità, il governo e molti politici.

Ma descrivere Peshkian come un critico del regime va oltre. Non solo gli è stato permesso di votare, ma ha anche affermato la sua lealtà al leader supremo dell’Iran, l’Ayatollah Ali Khamenei.

Masoud Pesishkian ha ottenuto il 42,4% al primo turno.

Peshkyan ha criticato le autorità

Peshkian aveva già criticato le azioni delle autorità durante le massicce proteste a livello nazionale scoppiate dopo la morte della giovane donna curda Gina Masa Amini nel settembre 2022, dopo essere stata arrestata per presunte violazioni di un rigido codice di abbigliamento islamico. Sabato ha invitato i suoi sostenitori a votare per lui venerdì prossimo “per salvare il Paese dalla povertà, dalle bugie, dalla discriminazione e dall’ingiustizia”.

Peshkian è membro del parlamento dal 2008. Dal 2001 al 2005 è stato ministro della Sanità sotto il presidente riformista Mohammad Khatami. Lui, così come l’ex presidente moderato Hassan Rouhani e l’ex ministro degli Esteri e artefice dell’accordo sul nucleare Javad Zarif, hanno sostenuto la candidatura di Peshekyan alla presidenza.

Il 69enne è apparso umile in campagna elettorale. Il padre, che ha cresciuto da solo gli altri tre figli dopo che sua moglie e uno dei suoi figli sono morti in un incidente stradale nel 1993, si è presentato come “la voce di chi non ha voce”. Ha promesso di prendersi cura dei gruppi più vulnerabili della società se vincesse le elezioni. Il background di Peshkian lo rende ideale anche per difendere le minoranze. È nato nel 1954 a Mahabad, nella provincia periferica dell’Azerbaigian occidentale, e oltre a questo parla il persiano azerbaigiano e il curdo.

Saeed Jalili

“Nessun compromesso, nessuna resa”: con questo slogan i sostenitori di Jalili si sono schierati al suo fianco durante la campagna elettorale. Il 58enne assume una posizione dura nei confronti dell’Occidente, come era evidente durante il suo periodo come capo negoziatore sul nucleare, dal 2007 al 2013.

Non era disposto a fare alcuna concessione nei negoziati sul programma nucleare iraniano. Ha criticato l’accordo sul nucleare tra il suo Paese, gli Stati Uniti e altri paesi occidentali, finalmente raggiunto nel 2015, definendolo una violazione delle “linee rosse” della Repubblica islamica.

Jalili è nato nel 1965 nella città di Mashhad, nel nord-est dell’Iran, da una pia famiglia della classe media. Ha partecipato alla Prima Guerra del Golfo e ha perso il piede destro a causa di una scheggia nella fronte, motivo per cui in Iran è considerato un “martire vivente”. Successivamente ha conseguito un dottorato in politica presso l’Università Imam Sadiq di Teheran, che forma i quadri politici nella Repubblica islamica, e ha intrapreso il lavoro politico. È conosciuto tra i diplomatici occidentali per le sue lezioni aggressive e le sue prese di posizione dure.

Saeed Jalili ha ottenuto al primo turno circa il 38,6%.

Jalili sa che Khamenei gli dà le spalle

All’inizio degli anni 2000, Jalili prestò servizio nell’ufficio del leader spirituale iraniano, l’Ayatollah Ali Khamenei. È diventato vice ministro degli Esteri per l’Europa e il Sud America sotto il presidente populista e intransigente Mahmoud Ahmadinejad. Nelle elezioni presidenziali del 2013 Jalili arrivò al terzo posto con solo l’11% dei voti. Nel 2021 ritira la sua candidatura a favore del candidato ultraconservatore Raisi, che vince.

Dopo la morte di Raisi in un incidente in elicottero lo scorso maggio, Jalili ha ora l’opportunità di diventare lui stesso presidente. Al ballottaggio è riuscito a unire il campo conservatore diviso e a conquistare i voti dei due candidati conservatori eliminati. Il candidato terzo classificato, Mohammad Bagher Qalibaf, e due candidati conservatori che si sono ritirati immediatamente prima del primo turno di votazioni, hanno invitato i loro sostenitori a votare per Jalili.

Nel primo turno Jalili ha ricevuto più del 38%. È considerato molto conservatore ed è probabile che continui il suo approccio principale. Il suo governo ultra-conservatore ha limitato sempre più i diritti delle donne negli ultimi anni, ha insistito su codici di abbigliamento più severi e poi ha represso nel sangue le proteste per la libertà delle donne nell’autunno del 2022. Gli Anziani hanno anche ricordato Raisi come un importante pubblico ministero che ha giustiziato migliaia di membri e critici dell’opposizione negli anni ’80.

Jalili sa che Khamenei gli protegge le spalle. Lo ha inviato come uno dei suoi rappresentanti al Consiglio Supremo per la Sicurezza Nazionale, il massimo organismo per la politica di sicurezza del Paese.

Con informazioni di Karin Sinz, Katarina Willinger e Uwe Loeb, ARD Studio Istanbul

Related articles

Sono stati segnalati più casi di Oropouche: la clinica fornisce i dettagli

Pagina inizialeil mondostava in piedi: 20 luglio 2024, 6:20Da: Vittoria CrumbeckPremeredivisoIn Italia sono stati segnalati nuovi casi di...

La figlia di Valya è dovuta andare in ospedale!

Samira Yavuz è preoccupata: sua figlia Valya è dovuta andare in ospedale!bromflashSamira W Serkan Sono diventati genitori per...

Il campione olimpico Harting si lamenta di “un’ideologia orientata alle minoranze”

L’atletica tedesca è in crisi. Il campione olimpico Robert Harting ha una visione chiara delle ragioni e...