Baerbock mette in guardia contro una guerra “infinita” e promuove il piano di pace americano

Date:

Share post:

Edoardo Borroni
Edoardo Borroni
"Fanatico di alcol esasperantemente umile. Praticante di birra impenitente. Analista."
al di fuori Discorso in Israele

Baerbock mette in guardia contro una guerra “infinita” e promuove il piano di pace americano

Baerbock mette in guardia contro una guerra “infinita” e promuove il piano di pace americano

Durante la sua visita in Israele, il ministro degli Esteri tedesco Annalena Baerbock ha chiesto la fine della guerra a Gaza. Baerbock ha affermato che il piano di cessate il fuoco presentato dal presidente americano Joe Biden alla fine di maggio mostra “un percorso chiaro per raggiungere questo obiettivo”.

Puoi ascoltare i nostri podcast WELT qui

Per visualizzare i contenuti incorporati è necessario ottenere il consenso revocabile al trasferimento e al trattamento dei dati personali, poiché i fornitori di contenuti incorporati richiedono questo consenso in quanto fornitori di servizi terzi. [In diesem Zusammenhang können auch Nutzungsprofile (u.a. auf Basis von Cookie-IDs) gebildet und angereichert werden, auch außerhalb des EWR]. Impostando l’interruttore su “On”, accetti questo (revocabile in qualsiasi momento). Ciò include anche il tuo consenso al trasferimento di determinati dati personali a paesi terzi, inclusi gli Stati Uniti, ai sensi dell’articolo 49, paragrafo 1, lettera a) del GDPR. Puoi trovare ulteriori informazioni a riguardo. Puoi revocare il tuo consenso in ogni momento utilizzando il tasto privacy a fondo pagina.

Nel suo discorso alla conferenza sulla sicurezza in Israele, il ministro degli Esteri Annalena Baerbock ha chiesto di accettare il piano di cessate il fuoco presentato dagli Stati Uniti nella Striscia di Gaza. Ciò potrebbe portare ad una “sicurezza a lungo termine per israeliani e palestinesi”.

BDurante la sua visita in Israele, il ministro degli Esteri Annalena Baerbock (Partito dei Verdi) ha chiesto la fine della guerra a Gaza. Lunedì Baerbock ha dichiarato in una conferenza sulla sicurezza nella città di Herzliya che il piano di cessate il fuoco presentato dal presidente degli Stati Uniti Joe Biden alla fine di maggio mostra “un percorso chiaro per raggiungere questo obiettivo”.

Nel suo discorso, pronunciato in inglese, Baerbock ha affermato che la proposta potrebbe consentire un cessate il fuoco e il rilascio degli ostaggi di Hamas, oltre a portare a “una sicurezza permanente per israeliani e palestinesi”. “Chiediamo urgentemente ad Hamas di accettare questo piano”. Il ministro degli Esteri ha sottolineato: “Bisogna porre fine a questo orrore”.

Leggi anche

Si rende conto che le proposte presentate da Biden non godono del sostegno di tutti in Israele. “Alcuni chiedono il mantenimento del controllo israeliano sulla Striscia di Gaza e una guerra che continuerà indefinitamente”, ha detto Birbock.

“Vorrei chiedere in tutta sincerità: come può una guerra senza fine migliorare la sicurezza delle famiglie che vogliono tornare alle loro case a Sderot, a Kiryat Shmona? Come porrà fine alle sofferenze delle famiglie degli ostaggi? Come può una maggiore sofferenza a Gaza portare maggiore sicurezza in Israele?

Birbock ha sottolineato che Israele ha ottenuto “veri successi” nei suoi sforzi per distruggere le capacità militari di Hamas. È anche importante che i vicini arabi di Israele si riuniscano per pensare a come garantire la sicurezza sia a Israele che ai palestinesi. “Dobbiamo basarci su questo”, ha aggiunto il politico verde.

Tensione tra Israele e Libano “più che preoccupante”

Martedì Baerbock incontrerà a Gerusalemme il ministro degli Esteri israeliano Israel Katz. È inoltre previsto un colloquio a Ramallah con il nuovo primo ministro palestinese, Muhammad Mustafa. Secondo le sue parole, Berbock si recherà poi in Libano.

Il ministro ha descritto le crescenti tensioni al confine tra Israele e Libano come “più che preoccupanti” a margine della riunione dei ministri degli Esteri dell’Unione europea in Lussemburgo. La Baerbock ha visitato il Medio Oriente per l’ultima volta alla fine di aprile, dove ha incontrato, tra gli altri, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

Leggi anche

L'ex musulmana Zainab Al-Hadd (a sinistra), lo psichiatra Ahmed Mansour e l'imam Seyran Ates

La guerra tra Israele e il movimento estremista islamico Hamas è scoppiata il 7 ottobre a causa del grave attacco senza precedenti dell’organizzazione palestinese contro Israele. A quel tempo, secondo dati israeliani, i combattenti islamici uccisero 1.194 persone e presero in ostaggio 251 persone nella Striscia di Gaza, 116 delle quali rimangono nei territori palestinesi. Secondo l’esercito israeliano, 41 di loro sono già morti.

Related articles