Aprile 15, 2024

Italnews

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Alla fine del Ramadan la scuola è gratuita

Alla fine del Ramadan la scuola è gratuita

Sonon Il ruolo della religione nel sistema scolastico pubblico italiano è oggetto di un acceso dibattito. Particolarmente controversi sono i risultati di due principati nelle regioni settentrionali italiane della Lombardia e dell'Emilia-Romagna. Il preside di una scuola di Pioldello vuole concedere ai suoi studenti un giorno libero da scuola alla fine del mese di digiuno musulmano, scatenando un dibattito nazionale. Il direttore di una scuola di Vergeretto, in provincia di Forlì, ha suscitato scalpore quando ha inizialmente vietato al parroco locale di impartire la regolare benedizione pasquale nelle aule scolastiche.

Mattia Rupp

Corrispondente politico per l'Italia, il Vaticano, l'Albania e Malta a Roma.

Il preside della scuola di Pioldello, cittadina alla periferia est di Milano, ha giustificato la chiusura della scuola dopo la festa della rottura del digiuno (Eid al-Fitr) del 9 aprile, sostenendo che negli anni precedenti era il giorno dopo . Alla fine del Ramadan solo tre o quattro studenti musulmani venivano a scuola e la giornata scolastica era di fatto persa.

La città di Pioldello, che conta circa 36.000 abitanti, ha una delle percentuali più alte di cittadini con un background migratorio dell'intero Paese. La scuola prende il nome da Iqbal Masih, un cattolico pakistano ucciso a colpi di arma da fuoco all'età di dodici anni nel 1995 a Muridke, nel Punjab. È sfuggito alla schiavitù nell'industria della tessitura dei tappeti, dopo averla denunciata in tutto il mondo. Circa il quaranta per cento degli studenti della scuola, che comprende asilo, elementari e medie, sono musulmani. Il preside della scuola ha utilizzato i regolamenti per fissare ferie flessibili. È noto che è la prima volta in Italia che una scuola pubblica viene chiusa a causa di una festività musulmana.

Il vicepremier Matteo Salvini, esponente del Partito nazionale di destra Lega, ha criticato la decisione definendola “inaccettabile” perché “contro i valori, l'identità e la tradizione del nostro Paese”. Il ministro dell'Istruzione, Giuseppe Valditara, ha chiesto spiegazioni alle autorità scolastiche lombarde, ricordando che solo gli enti regionali e nazionali hanno il potere di aggiungere vacanze al calendario scolastico. L'arcivescovo di Milano Mario Delfini ha difeso l'iniziativa definendola “legittima”. Perché la religione è “una delle cose più importanti nella vita”. L'Arcidiocesi di Milano ha invitato i fedeli a “trattare con rispetto le persone di altre fedi che vivono nella nostra regione e ad impegnarsi per l'integrazione e la comunicazione”.