Loading...
You are here:  Home  >  Accade oggi  >  Current Article

Viene brevettato il motore Diesel

By   /   23 Febbraio 2021  /   No Comments

Il 22 febbraio 1892, l’ingegnere tedesco Rudolf Diesel ottenne il brevetto per il suo motore Diesel.

Nato il 18 marzo 1858 a Parigi, da genitori tedeschi, si traferì prima in Svizzera poi a Parigi e infine a Berlino. Fin da ragazzo si appassionò ai motori e dopo il diploma conseguito presso la Technische Hochschule di Monaco di Baviera,  cominciò a studiare un nuovo motore che eliminasse il dispositivo di accensione allora usato nei motori a combustione interna di Nikolaus Otto.

La sua idea era di costruire un motore che, sfruttando l’alta temperatura generata dalla compressione dell’aria nella camera di scoppio, facesse accendere il carburante.

Ma mentre tutto funzionava in teoria, in pratica no: mancava un combustibile in grado di alimentarlo, oltre a problemi relativi alla fabbricazione, alle licenze e ai finanziamenti. A finanziare i suoi studi intervennero la Maschinenfabrik Augsburg e la Krupp.

Dopo anni di esperimenti Rudolf Diesel realizza nel 1897 presso la Maschinenfabrik Augsburg un prototipo funzionante a 4 tempi del motore diesel con pompa per l’aria e per il combustibile.

Rudolf fonda nel 1898 la Dieselmotorenfabrik Augsburg e la Allgemeinen Gesellschaft für Dieselmotoren, 2 aziende specializzate nello sfruttamento dei brevetti e nella vendita del progetto.

Dopo altri 3 anni di studio, la presentazione ufficiale del suo motore avvenne durante l‘Esposizione Universale di Parigi del 1900, il carburante utilizzato era l’olio di arachidi.  Seguì la produzione e il motore diesel ebbe successo nei primi anni ‘10 del XX secolo, soprattutto nel settore navale. La a prima nave a motore Diesel risale al 1903, mentre il primo motore Diesel di piccola cilindrata al 1908.

Purtroppo Rudolf Diesel non potè vedere lo sviluppo a livello internazionale del suo progetto. Morì il 29 settembre 1913. L’anno successivo il motore Diesel iniziò a diffondersi, soprattutto sui mezzi militari utilizzati durante la Prima Guerra Mondiale, mentre per l’uso automobilistico si sviluppò a partire dal 1923.

I principi di Rudolf Diesel sono stati alla base delle implementazioni del Gruppo Bosch che nel 1989 lanciò i sistemi ad iniezione diretta, e dopo 25 anni. l’Alfa Romeo lanciò il sistema common rail che, con l’iniezione diretta unita alla tecnologia Unit Injector, ha reso ancor più efficiente e silenzioso il motore a gasolio.

Oggi le vendite dei motori diesel si aggirano intorno al 50%, e, anche se nei prossimi anni vedranno un deciso incremento dei motori elettrici e ibridi, il diesel continuerà a rivestire un ruolo di primaria importanza nella mobilità, nonostante la campagna anti-diesel degli ultimi sull’onda emotiva del dieselgate, lo scandalo delle emissioni truccate.

Dal 1978 Rudolf Diesel fa parte dell’Automotive Hall of Fame che raggruppa i maggiori personaggi che hanno fatto la storia dell’automobile, in cui figurano gli italiani: Giovanni Agnelli, Ettore Bugatti, Giovanni Dattista e Sergio Pininfarina, Enzo  Enzo Ferrari, Giorgetto Giugiaro, Bruno Sacco.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

You might also like...

Giusto non significa necessariamente uguale

Read More →