Loading...
You are here:  Home  >  Accade oggi  >  Current Article

Viene pubblicato il primo numero de La Settimana Enigmistica

By   /   23 Gennaio 2021  /   Commenti disabilitati su Viene pubblicato il primo numero de La Settimana Enigmistica

Il 23 gennaio 1932 venne pubblicato il primo numero della “La Settimana Enigmistica”, un periodico tra i più diffusi che non ha smesso di essere di essere pubblicato tranne che per 2 sole interruzioni: i numeri 607 del 1943 e 694 del 1945 che, a causa della guerra, uscirono dopo circa 2 mesi.

Fondata da un ingegnere sardo Giorgio Sisini, Conte di Sant’Andrea, figlio del fondatore del Rotary club di Sassari, il primo numero fu pubblicato in 16 pagine al costo di 50 centesimi di lire; sulla copertina era disegnata l’immagine dell’attrice messicana Lupe Vélez tratta dalla rivista austriaca Das Rätsel, ottenuta sagomando le caselle nere del cruciverba.

Lo stesso fondatore creò i primi enigmi e tra i suoi numerosi e prestigiosi collaboratori spiccano i nomi di Piero Bartezzaghi e Giancarlo Brighenti

Capostipite dei giornali di enigmistica italiana, proprietario del marchio “Parole crociate”, la Settimana enigmistica si distingue per essere priva di qualsiasi pubblicità eper essere rimasta sostanzialmente invariata negli anni.

Infatti, rubriche e giochi sono pubblicati ognuno nella stessa pagina e con una numerazione progressiva, mossa cheha contribuito a creare un solido legame con i lettori. La veste grafica è stata ritoccata marginalmente nel 1995 con l’aggiunta qua e là del colore (rosso o verde o blu) e prevede 48 pagine. 

In tale occasione (restyling del ’95), la rivista è stata affiancata da “Il Mese Enigmistico“, nato come Il Blocco Enigmistico e poi rinnovato a maggio 2016, che oltre ad avere alcuni giochipropone anche alcune esclusive e personaggi da tempo assenti. Dal 2014 è anche scaricabile in formato digitale solo su tablet iOS/Android/Kindle.

Il successo de La Settimana Enigmistica è legato anche a molti personaggi protagonisti di giochi e vignette, come i celebri e storici Gianni Telodice, “Le malefatte di G. Dubol”; l’ispettore Malcivede. Senza dimenticare pagine in cui viene sollecitato lo spirito di osservazione come “Che cosa manca?” o “Aguzzate la vista”; oppure gli spazi di notizie e curiosità di storia e attualità come “Forse non tutti sanno che…”, “Spigolature”; i quiz di cultura generale “Vero o falso?” e “L’Edípeo enciclopedico”, le vignette di “Le ultime parole famose…”,  … e così via. 

La Settimana enigmistica con i suoi rebus, cruciverba, giochi a quiz e rubriche è senza dubbio la pubblicazione dedicata all’enigmistica più famosa d’Italia, un vero e proprio pezzo di storia del nostro Paese.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Giusto non significa necessariamente uguale

Read More →