Loading...
You are here:  Home  >  Accade oggi  >  Current Article

Inizia la tradizione dell’insediamento del Presidente USA il 20 gennaio

By   /   20 Gennaio 2021  /   Commenti disabilitati su Inizia la tradizione dell’insediamento del Presidente USA il 20 gennaio

Con il secondo mandato a Presidente degli Stati Uniti di Franklin Delano Roosevelt, il 20 gennaio 1937, iniziò la tradizione per cui il Presidente eletto si sarebbe ufficialmente insediato alla Casa Bianca il 20 gennaio dell’anno successivo all’elezione. 

Franklin D. Roosvelt è stato il 32º Presidente degli Stati Uniti d’America, l’unico ad essere eletto per più di 2 mandati consecutivi, avendo vinto le elezioni presidenziali per ben 4 volte (1932, 1936, 1940, 1944), rimanendo in carica dal 1933 fino alla sua morte, nell’aprile del 1945, poco dopo l’inizio del quarto mandato.

In un’America colpita duramente dalla grande depressione del 1929, grazie all suo vasto e radicale programma di riforme economiche, noto come “New Deal”, basata sul forte intervento dello Stato in ambito economico, riuscì a risollevare le sorti del Paese. 

Tra le più importanti innovazioni vanno ricordati il Social Security Act , con il quale vennero introdotte per la prima volta negli Stati Uniti l’assistenza sociale e le indennità di disoccupazione e vecchiaia, e la creazione della Securities and Exchange Commission (SEC), l’Agenzia federale per il controllo del mercato azionario

Dotato di grandi doti comunicative, riuscì, in un momento particolarmente difficile,  a guidare il paese. Con i suoi “discorsi dal caminetto”, una periodica trasmissione radiofonica con gli elettori, parlò al cuore e instaurò una filo diretto con la popolazione, illustrando la sua linea politica e infondendo coraggio e ottimismo.

Dopo l’attacco alla base navale di Pearl Harbor, il 7 dicembre 1941, decise l’ingresso in guerra degli Stati Uniti a fianco di Francia e Gran Bretagna, e seppe instaurare un dialogo costruttivo con l’Unione Sovietica di Stalin

Fu sostenitore della bomba atomica, che però furono impiegate dal suo successore, Harry Truman, sulle città giapponesi di Hiroshima e Nagasaki.

Pochi mesi prima della fine della guerra, nell’aprile 1945, dopo essere stato rieletto per la quarta volta, morì, mentre era in vacanza, a causa di un’emorragia cerebrale.

È stata una figura centrale del XX secolo e, insieme ad Abraham Lincoln e George Washington, è considerato tra i più importanti e popolari presidenti degli Stati Uniti.

 di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Giusto non significa necessariamente uguale

Read More →