Loading...
You are here:  Home  >  Accade oggi  >  Current Article

Inaugurazione del Giardino Zoologico, oggi Bioparco, di Roma

By   /   5 Gennaio 2021  /   Commenti disabilitati su Inaugurazione del Giardino Zoologico, oggi Bioparco, di Roma

Il 5 gennaio 1911, alla presenza del sindaco Ernesto Nathan, veniva inaugurato il Giardino Zoologico, oggi Bioparco, di Roma

Nacque nel 1908 da un’idea di un gruppo di imprenditori che si costituirono nella Società Anonima per il Giardino Zoologico, presieduta prima dal barone Giorgio Sonnino e successivamente dal principe Francesco Chigi. A realizzarlo fu chiamato Carl Hagenbeck Jr. che l’anno prima aveva costruito il Tierpark Hagenbeck di Stellingen (Amburgo), rivoluzionando l’architettura dei giardini zoologici, in cui le gabbie furono sostituite da fossati, per creare un ambiente naturale più vicino possibile a quello degli animali.

Lo zoo, con un ingresso monumentale progettato da Armando Brasini, si sviluppava su una superficie di circa 12 ettari della parte settentrionale di Villa Borghese. I lavori, iniziati nel 1909, furono terminati l’anno successivo (1910) e già nel novembre iniziarono ad arrivare i primi animali dal Tierpark di Amburgo. Primo direttore fu lo zoologo tedesco Knottnerus-Meyer.

Dopo l’iniziale successo, la struttura iniziò un lento declino anche a causa della guerra italo-turca e poi della prima guerra mondiale, tanto che il Comune di Roma dovette assumersene la gestione, che nel 1919 affidò ad un’Azienda municipalizzata, amministrata da una Sovrintendenza diretta dal barone Alberto Fassini.

Furono realizzati diversi ampliamenti per accrescere la popolazione faunistica, puntando soprattutto sulla rarità delle specie ospitate, tra cui spicca la costruzione (1933-35) della Grande Voliera e del Rettilario, affidate all’architetto Raffaele De Vico.

Gli avvenimenti della seconda guerra mondiale provocarono ancora una decadenza e solo dopo un progetto di riqualificazione durato ben 9 anni la nuova struttura venne inaugurata nel 1983.

Nel 1994 si pensò di trasformare lo zoo in un bioparco, cioè in una struttura per la conservazione in natura delle specie a rischio di estinzione, dove effettuare ricerche scientifiche con maggiore rispetto dei diritti degli animali e svolgere anche attività di educazione ambientale. L’iniziale società Bioparco S.p.a. (1998) fu sostituita nel 2004 dalla Fondazione che da allora lo gestisce.

Il Bioparco di Roma attualmente ospita più di 200 specie di animali tra anfibi, mammiferi, uccelli e rettili, tutti provenienti da un continente differente. È membro dell’Unione Europea Zoo e Acquari (EAZA) e della Unione Mondiale Zoo e Acquari (WAZA), inoltre partecipa attivamente anche al progetto internazionale Arca, per la salvaguardia degli anfibi, oltre che altri programmi legati alla riproduzione in cattività.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Viene pubblicato il primo numero de La Settimana Enigmistica

Read More →