Loading...
You are here:  Home  >  Accade oggi  >  Current Article

Thomas Alva Edison inventa il fonografo

By   /   6 Dicembre 2020  /   Commenti disabilitati su Thomas Alva Edison inventa il fonografo

Il 6 dicembre 1877 Thomas Elva Edison presentò per la prima vota in pubblico la sua nuova invenzione: il fonografo. Un apparecchio che attraverso una punta metallica, registrava le onde sonore e le incideva su sottili fogli cilindrici di stagno

Durante la dimostrazione, canticchiò la prima strofa si una filastroccaMary had a little lamb” che il fonografo ripeté, anche se con pessima qualità. Tuttavia, questo pose le basi per un futuro miglioramento e la sua diffusione su larga scala

Miglioramenti furono, infatti, apportati da altri: nel 1880, Chichester Bell e Summer Tainter, dei laboratori Bell,  presentarono un prototipo di fonografo, chiamato grafofono, che sostituiva il foglio di stagnola con uno strato di cera; verso la metà degli anni Ottanta, Emile Berliner, sempre della Bell, utilizzò un disco al posto del cilindro su cui la puntina oscillava a destra e a sinistra. Tale invenzione venne chiamata Grammofono (brevettato nel 1887). 

L’apparecchio diventò popolare sopratutto per l’uso in campo musicale, anche se per Edison il fonografo doveva servire principalmente per agevolare la dettatura di lettere e la creazione di audiolibri per non vedenti. Aveva, senza saperlo, aveva ipotizzato la prima segreteria telefonica.

Thomas Alva Edison, nato in Ohio nel 1847, è noto al grande pubblico soprattutto per l’invenzione della lampadina ad incandescenza, ma in realtà fu un attivo imprenditore, capace di elaborare le altrui invenzioni, migliorarle e commercializzarle.  Le sue idee spaziarono su diversi aspetti della vita di tutti i giorni: dal suono all’energia elettrica e al cinema.

A lui si deve il sistema di distribuzione dell’energia elettrica installato nel 1882 a New York e la prima centrale idroelettrica, anziché a carbone, sfruttando le cascate del Niagara.

Nel cinema, definì lostandard della pellicola da 35 mm di larghezza e con i 4 fori ai lati. Nel 1893 fondò uno studio cinematografico, “Black Maria”, dove produsse “Lo starnuto di Fred Ott”, il primo film protetto da copyright negli USA. Con la sua attività, riuscì a trasformare il cinema in un mezzo di comunicazione di massa.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Giusto non significa necessariamente uguale

Read More →