Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Motori  >  Current Article

Monte Livata-Jenne: a due passi da Roma

By   /   27 Novembre 2020  /   1 Comment

Chi l’ha detto che per trovare bei paesaggi e strade divertenti in moto ci si debba per forza allontanare dai grandi centri urbani? Un esempio su tutti è l’itinerario che va da Tivoli fino al Monte Livata, passando per Arsoli e Vignola e scendendo successivamente per Jenne. Una tratta che ha una notevole varietà di percorsi, dal veloce al misto stretto e che dà la possibilità di godersi una giornata fuori porta con la propria due ruote e perché no, anche con la propria passeggera.

Da Tivoli si prende la tiburtina SR5 e subito ci si può concedere un buon ritmo sul tratto che arriva a Vicovaro-Mandela. Curve veloci e asfalto sufficientemente sincero consentono una buona andatura, facendo attenzione alle numerose immissioni, peraltro ben segnalate, e al traffico locale. 

Dopo Vicovaro si fila dritto verso Arsoli. Un primo tratto veloce si somma ad una piccola parte stretta e davvero divertente nei pressi dell’arrivo. Ad Arsoli è quasi d’obbligo la sosta caffè al bar Savoia sul tornante adiacente la piazza. Non sarete gli unici su due ruote, il posto infatti è conosciuto da chi prosegue poi lungo la strada verso Carsoli. 

Si riparte poi con la SP39b verso Vignola, la strada scorre fra paesaggi davvero suggestivi soprattutto dopo Cervara di Roma, anche se l’asfalto è così così e il passo da tenere è decisamente turistico. Dopo Vignola c’è a sinistra il bivio per Livata e se avete velleità sportive, la salita con tornanti ripetuti è cosa vostra. Giunti in cima, se l’ora è tarda e lo stomaco chiede sollazzo immediato ci si può fermare a mangiare in uno dei ristoranti presenti sulla strada, altrimenti si prende la provinciale 36c per Jenne. È il tratto dal paesaggio più bello. Si parte in mezzo agli alberi e si arriva alla pianura Fondi di Jenne presa d’assalto da gente coi barbecue e da mandrie di vacche. 

Arrivati a Jenne, il consiglio per mangiare è La Villetta, un piccolo ristorante da dove si può ammirare una vista splendida sulla vallata dell’Aniene

Dopo la sosta pranzo, la SP 45° vi porterà verso Subiaco, con una serie di curve misto stretto tra gallerie e tornanti, vi lascerà sicuramente il sorriso stampato sotto il casco. Poco prima di Subiaco è d’obbligo una visita al Santuario del Sacro Speco, un monastero medievale attaccato alla montagna edificato per custodire una grotta in cui Benedetto da Norcia trascorse un periodo della sua vita eremitica.  

Rientro con la SR411 fino alla tiburtina altezza Roviano, strada veloce e forse un pochino noiosa ma ci sta, a conclusione di un bell’itinerario a un’ora e mezza da Roma. Sulla tiburtina si può scegliere se percorrerla di nuovo fino a Tivoli oppure prendere l’autostrada A24 Vicovaro-Mandela, anche se sappiamo che la maggior parte dei motociclisti sceglierà la prima opzione.

di Andrej Surace

    Print       Email

1 Comment

  1. Dave ha detto:

    Fantastico itinerario, perfettamente descritto.
    Posti incantevoli. Complimenti per la chiarezza e la dovizia di particolari.

You might also like...

Elefantentreffen: Dove si temprano i veri rider

Read More →