Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Fuoco amico tra navi iraniane

By   /   11 Maggio 2020  /   Commenti disabilitati su Fuoco amico tra navi iraniane

Durante un’esercitazione navale, una nave da guerra iraniana è stata colpita da un missile “amico”, uccidendo 19 marinai e ferendone altri 15. La notizia è stata confermata dagli organi delle Forze Amate e dall’agenzia di stampa Tasnim e dalla ISNA (Iranian Students’ News Agency). 

L’incidente, avvenuto ieri, ha coinvolto la fregata “Jamaran” (Classe Moudge) e la nave Konarak (Classe Hendijan)  nei pressi di Bandar-e Jask, al largo della costa meridionale della repubblica islamica. L’incidente sarebbe avvenuto a causa della poca distanza tra la nave il bersaglio.

La Konarak è una nave di supporto logistico acquistata dall’Olanda prima delle rivoluzione islamica del 1979 ed è armata con 4 missili da crociera. Dopo l’incidente è stata rimorchiata a terra per “indagini tecniche”, mentre i 15 feriti, di cui 2 in terapia intensiva, sono stati ricoverati negli ospedali di Sistan e Baluchistan.

L’incidente trova le sue ragioni dalla tensioni tra Iran e Stati Uniti, da quando nel 2018 Trump si è ritirato unilateralmente dall’Accordo internazionale sul nucleare, introducendo nuove sanzioni all’Iran.

Da allora si sono verificati diversi episodi. A gennaio le forze armate iraniane hanno abbattuto per errore un aereo passeggeri del Boeing 737 diretto a Kiev poco dopo il decollo da Teheran, uccidendo tutte le 176 persone a bordo.

Dopo la morte del generale Qasem Soleimani, avvenuta il 3 gennaio u.s., per mano americana, gli iraniani l’8 gennaio hanno lanciato un attacco missilistico contro le truppe americane in Iraq, ferendo 109 militari.

Lo scorso 15 aprile, a seguito di movimenti di alcune cannoniere iraniane contro le navi USA nel Golfo, il presidente Trump ha dato l’ordine di abbattere le imbarcazioni iraniane che continuassero a “molestare” le navi americane.

 

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Abbattere i simboli delle ingiustizie razziali

Read More →