Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

La Corea del Nord torna a effettuare lanci di missili cruise

By   /   14 Aprile 2020  /   Commenti disabilitati su La Corea del Nord torna a effettuare lanci di missili cruise

Mentre il mondo combatte la battaglia contro il Coronavirus, di cui a loro dire la Corea del Nord non è stata assolutamente toccata, il leader Kim Jung Un pensa a giocare alla battaglia navale e, nonostante sia sotto sanzioni ONU per i programmi militari, continua ad effettuare test.

Così ieri, stando a quanto dichiarato dal Capo di Stato Maggiore Interforze della Corea del Sud, dalla base di Munchon sono stati  lanciati diversi missili cruise, a corto raggio, i cui dati sono ancora allo studio degli analisti.

È stato il modo con cui Kim Jong Un ha voluto anticipare le celebrazioni del 108esimo anniversario della nascita di suo nonno Kim Il Sung, che cade proprio oggi, ma anche per inviare un segnale alla Corea del Sud dove sono in corso le elezioni per il rinnovo del Parlamento.

Kim Jong Un non è nuovo a queste uscite. Con una certa periodicità si propone al mondo con lanci di missili balistici per impaurire i vicini della regione, Corea del Sud e Giappone in primis, e mandare un segnale agli Stati Uniti. La Corea del Nord ha infatti nel suo arsenale missili balistici Intercontinentali (ICBM) capaci di colpire gli Stati Uniti.

Mentre i missili balistici per le loro caratteristiche di volo possono essere in qualche modo intercettati dai sistemi difensivi americani, i missili cruise invece, essendo in grado di volare a quote bassissime, anche a pochi metri dal terreno o dall’acqua, sono molto più difficili da individuare. Inoltre, sono altamente manovrabili e necessitano di un sistema di guida molto avanzato per dirigerli con successo sul bersaglio; ciò significa che tecnologicamente la Corea del Nord ha strumenti sofisticati ed efficaci. 

Nel giugno 2017, una settimana dopo le esercitazioni navali nel Mare del Giappone condotte dagli americani, la Corea del Nord testò con successo un nuovo tipo di missile cruise navale che colpì un bersaglio posto a circa 200 chilometri di distanza. Quell’anno il presidente americano Donald Trump e il leader Kim Jong Un si scambiarono reciproche e colorite accuse. 

I due, che avevano ripreso il dialogo a seguito dell’apertura tra le due Coree in occasione dei Giochi Olimpici invernali di Pyeongchang, hanno interrotto i colloqui di pace dopo il disastroso incontro di Hanoi (2019), per divergenze sul ritiro delle sanzioni e sulla denuclearizzazione della penisola coreana.

 

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Abbattere i simboli delle ingiustizie razziali

Read More →