Loading...
You are here:  Home  >  In primo piano  >  Current Article

Il CIO conferma che le Olimpiadi di Tokyo si terranno regolarmente

By   /   20 Marzo 2020  /   No Comments

Nonostante in Giappone ad oggi ci siano registrati 924 casi29 decessi, il Comitato Internazionale Olimpico (CIO) sta considerando diverse opzioni per i prossimi giochi di Tokyo ma non quella di cancellarli, lo ha dichiarato il Presidente del CIO Thomas Bach: “La cancellazione non è in agenda. Siamo determinati a far sì che questi giochi siano un successo”..

Per il Presidente del CIO, schermidore tedesco e medaglia d’oro ai Giochi olimpici di Montréal 1976 e ai Mondiali 1977 nel fioretto a squadre, mancano ancora 4 mesi e mezzo e, pertanto, è ancora presto per sapere come evolverà la situazione. 

In questo clima di incertezza, anche per non rendere prematuramente vani gli sforzi compiuti dal Giappone per organizzare i Giochi, le date del 24 luglio e quella del 25 agosto per le Paralimpiadi, restano ancora valide, anche se il propagarsi del virus in tutto il  mondo abbia costretto molti atleti a fermarsi.

La macchina organizzativa ha già puntato su miliardi di dollari da parte degli sponsor per la pubblicità, mentre per la preparazione delle infrastrutture e quanto ad esso associato, in termini di materiale e personale, sono stati spesi circa 12 miliardi di dollari. Gli organizzatori si aspettano di accogliere almeno 600 mila stranieri tra atleti e spettatori. La salvaguardia della loro salute sarà certamente presa in seria considerazione.

Moltissimi atleti hanno manifestato la loro contrarietà a questa situazione di indeterminatezza e chiedono la cancellazione dei Giochi. Di fatto c’è molta confusione, sopratutto per quanto riguarda il processo di qualificazione, considerato che molte prove sono state soppresse, moltissimi atleti sono costretti a rimanere chiusi in casa, e questo, secondo le voci più critiche, potrebbe avvantaggiare alcuni.

Intanto, la fiaccola olimpica è giunta all’aeroporto militare di Matsushima, nel nord del Giappone, accolta con una cerimonia molto ristretta e in un’atmosfera di incertezza, a causa della pandemia in atto.

La fiaccola portata in uno speciale contenitore è stata presa da 2 atleti giapponesi: Saori Yoshida, 3 volte medaglia d’oro di wrestling, e Tadahiro Nomura, 3 volte medaglia d’oro nello judo.

La breve cerimonia dell’accensione è stata svolta alla presenza del Presidente del Comitato organizzatore, Yoshiro Mori, che ha salutato la fiaccola con queste parole: “Per la prima volta in 56 anni la fiaccola olimpica torna a Tokyo e spero che illuminerà il cammino di speranza per molti popoli”. Tokyo 1964 sono state le ultime Olimpiade tenute in Giappone che era stato scelto anche per i Giochi del 1940, cancellati per lo scoppio Seconda Guerra Mondiale.

La fiaccola olimpica rimarrà nel nord del Paese per circa 2 settimane e successivamente inizierà il cammino di avvicinamento a Fukushima dove è previsto che arrivi il 25 marzo, coronavirus permettendo.

 

di Vito DI Ventura

    Print       Email

You might also like...

Migranti al tempo del Coronavirus

Read More →