Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Attualità  >  Current Article

Covid-19: USA al via la sperimentazione di un vaccino

By   /   18 Marzo 2020  /   Commenti disabilitati su Covid-19: USA al via la sperimentazione di un vaccino

Gli Stati Uniti hanno annunciato che è stata avviata la prima sperimentazione su esseri umani per la realizzazione di un vaccino destinato a combattere e arginare la pandemia del virus COVID-19. Come riportato dall’Agenzia di stampa americana Associated Press, già quattro pazienti hanno ricevuto la prima dose del vaccino. La sperimentazione è stata avviata presso la struttura di ricerca Kaiser Permanente Research Facility di Seattle, Washington. Il vaccino in sperimentazione è considerato sicuro, quindi non causa infezioni da virus Corona-19, in quanto contiene un codice genetico innocuo copiato dal virus che causa la malattia. I ricercatori affermano che ci vorranno ancora molti mesi per sapere se questo vaccino o altri che sono ancora in fase di sperimentazione  funzioneranno e, quindi, potranno essere prodotti in larga scala. La prima persona a prendere la dose è stata una madre di due figli di 43 anni di Seattle. “Questa è un’opportunità straordinaria per me di fare qualcosa per i miei figli e l’umanità”, ha detto Jennifer Haller ad Associated Press.

E’ stato possibile eludere il controllo che verrebbe normalmente condotto sugli animali sperimentandolo direttamente sull’essere umano grazie alle ingenti risorse messe a disposizione dal National Institutes for Health che hanno permesso di produrre il vaccino mediante tecniche altamente innovative, dotate della massima sicurezza per la salute degli individui. Alcuni ricercatori hanno criticato la scelta di sperimentare il vaccino direttamente sui pazienti e non su cavie animali ma il dott. John Tregoning, esperto di malattie infettive all’Imperial College di Londra, Regno Unito, ha dichiarato alla televisione inglese BBC: “Questo vaccino utilizza una tecnologia preesistente. È stato realizzato secondo uno standard molto elevato, utilizzando modalità che sappiamo essere sicure da usare nelle persone. Coloro che prendono parte alla sperimentazione saranno monitorati molto attentamente. Sì, è stata molto veloce la sperimentazione ma è una corsa contro il virus e viene fatto a beneficio dell’umanità.” I vaccini tipici per virus, come il morbillo, sono prodotti da un virus indebolito o ucciso. Ma il vaccino mRNA-1273 (il vaccino in sperimentazione contro il virus Corona-19) non è prodotto dal virus che causa Covid-19. Comprende invece un breve segmento di codice genetico copiato dal virus che gli scienziati sono stati in grado di realizzare in laboratorio. La speranza è che questo inneschi il sistema immunitario del corpo del ricevente per combattere la vera infezione.

Ad ogni volontario vengono somministrate diverse dosi del vaccino sperimentale. Ciascuno riceverà due dosi in totale, a distanza di 28 giorni, nel deltoide (il muscolo della parte superiore del braccio). Anche se questi test iniziali daranno risultati positivi potrebbero essere necessari fino a 18 mesi affinché qualsiasi potenziale vaccino diventi disponibile al pubblico. Per il momento seguiamo le disposizione emanate dal Governo e dal Ministero della Salute per proteggere la nostra slute e quella dei nostri cari.

 

Maurizio Lupardini

    Print       Email

You might also like...

Migranti al tempo del Coronavirus

Read More →