Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Manila: catturato il sequestratore e liberati tutti gli ostaggi

By   /   2 Marzo 2020  /   Commenti disabilitati su Manila: catturato il sequestratore e liberati tutti gli ostaggi

Si è conclusa con la liberazione di tutti gli ostaggi il sequestro che ha tenuto con il fiato sospeso per oltre 10 ore la città Metropolitana di Manila.

La polizia è riuscita a convincere il sequestratore a rilasciare i 30 impiegati del centro commerciale V-Mall di San Juan, Manila, e ad arrendersi.

L’uomo di 32 anni, Archie Paray, è un ex guardia giurata dello stesso centro commerciale, era stato da poco licenziato. Verso le 10 del mattino ha fatto irruzione nel centro e, dopo aver ferito una guardia, si è chiuso nell’ufficio commerciale con gli ostaggi. 

Armato di pistola e granate, aveva ottenuto il permesso di parlare ai suoi ex commilitoni e ai media, ma non appena si è accinto a farlo, fuori dall’edificio, la polizia è intervenuta, arrestandolo. Adesso  per lui si sono aperte le porte del carcere e presto verranno formalizzati i capi di accusa.

Il V-Mall è un grande centro commerciale in cui si trova di tutto: ristoranti, negozi, e persino chiese e infermerie. Al momento dell’incidente era come al solito molto frequentato.

Manila è stata protagonista nel 2010 di un altro sequestro simile che purtroppo finì con la morte di 8 turisti provenienti da Hong Kong. Anche in quell’occasione si è trattato di un ex poliziotto licenziato, Rolando Del Rosario Mendoza. 

L’uomo, armato di fucile d’assalto M-16, aveva bloccato un autobus turistico nei pressi del Rizal Park, un luogo altamente turistico. L’intempestivo intervento della polizia, scatenò le reazioni del poliziotto che fece fuoco sui turisti e rimase a sua volta ucciso. L’episodio scatenò una forte protesta del governo cinese di Hong Kong e una crisi diplomatica, placata con le scuse ufficiali dell’allora sindaco di Manila José Estrada e con il congruo risarcimento ai familiari delle vittime.

 

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Abbattere i simboli delle ingiustizie razziali

Read More →