Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Donald Trump: Impeachment scontato

By   /   19 Dicembre 2019  /   Commenti disabilitati su Donald Trump: Impeachment scontato

La Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha votato a favore dell’impeachment del Presidente Donald Trump, accusato di abuso di potere (230 voti favorevoli e 197 contrati), per le pressioni su Kiev per screditare il suo principale rivale nella corsa alla Casa Bianca Joe Biden, e ostruzione del Congresso (229 contro 198), per aver bloccato testimoni e documenti.

Di fatto, si è trattato di un muro contro muro tra i 2 principali partiti. Solo 2 deputati democratici si sono uniti ai repubblicani: Collin Peterson del Minnesota e Jeff Van Drew del New Jersey, entrambi hanno però annunciato che passeranno al Partito Repubblicano. In casa Repubblicana, Jared Golden del Maine ha votato a favore per uno degli articoli dell’impeachment, mentre Tulsi Gabbard delle Hawaii, che corre per le elezioni presidenziali per i Democratici, ha votato per entrambi gli articoli.

Si tratta del terzo caso nella storia degli Stati Uniti: il primo è stato Andrew Johnson, nel 1868, il secondo Bill Clinton, nel 1998, e infine a Richard Nixon, nel 1974, che però si dimise prima di essere processato. I primi due furono assolti dal Senato, come succederà probabilmente a gennaio anche per Trump, considerato che il Partito Repubblicano ha la maggioranza. Infatti, poiché è richiesta la maggioranza dei 2/3 dei 100 senatori, si dovrebbe verificare che ben 20 senatori repubblicani dovrebbero votare contro Trump. Estremamente improbabile, anzi impossibile!

II dibattito sull’impeachment è stato aperto dalla Presidente della Camera, Nancy Pelosi, il 24 settembre e sono stati ascoltati come testimoni 17 dirigenti, 12 dei quali in un dibattito pubblico. Tutti hanno confermato che nella campagna per la rielezione di Trump, capeggiata da Rudy Giuliani, sia stata bypassata l’ambasciatrice in Ucraina, Marie Yovanovitch, per fare pressione sul Presidente Ucraino affinché ufficializzasse l’apertura di un indagine su Joe Biden e suo figlio Hunter, a beneficio di Trump.

Trump, che corre per il rinnovo del mandato previsto per novembre 2020, ha appreso la notizia mentre teneva un comizio a Battle Creek, nel Michigan e si è subito scagliato contro i democratici, definendo il voto “un suicidio” e che ad essere accusati di impeachment dovrebbe essere “ognuno di loro”.

Trump ha intanto incassato l’appoggio del Presidente russo Vladimir Putin per il quale l’impeachment si basa su accuse inventate e che pertanto il Senato respingerà le imputazioni contro il presidente americano.

 

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Abbattere i simboli delle ingiustizie razziali

Read More →