Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Missione Difesa  >  Current Article

Digitalizzato l’Albo d’Oro dei caduti della 2^ Guerra Mondiale

By   /   25 Settembre 2019  /   Commenti disabilitati su Digitalizzato l’Albo d’Oro dei caduti della 2^ Guerra Mondiale

bty

È durato meno di 1 anno, da quando è stato firmato l’accordo di servizio tra il Commissariato Generale per le Onoranze ai Caduti (ONORCADUTI) e il Centro di Dematerializzazione e Censimento Unico della Difesa (Ce.De.C.U.) di Gaeta, il lungo e complesso lavoro di informatizzazione dell’Albo d’Oro dei caduti e dispersi della Seconda Guerra Mondiale, ma alla fine, con giusto orgoglio, oggi è stata consegnata oggi la “chiavetta” contente i dati, circaIngegnere Francesco Grillo, storia e sentimenti, banca dati, patrimonio dello Stato

 (milioni di GigaByte).

A consegnarla al Segretario Generale di ONORCADUTI, Generale D. Alessandro Veltri, è stato il Direttore del Centro, Ingegnere Francesco Grillo, durante una semplice ma significativa cerimonia alla presenza del personale del Centro e di un nutrito gruppo di giornalisti della carta stampata e della televisione. 

Durante il suo intervento l’ingegnere Grillo ha tenuto a sottolineare la passione e la cura con cui il personale tutto si è impegnato per far sì che i vecchi fascicoli, contenti la storia e i sentimenti dei soldati che hanno dato la loro vita per dare a noi un futuro migliore, possano essere conservati per sempre a futura memoria, poiché la banca dati non è solo patrimonio dello Stato ma anche di ogni cittadino.

Per i giornalisti è stata organizzata una visita guidata al Centro, ex Poligrafico di Gaeta, coordinata dal Capo Ufficio Statistica e Albo d’Oro di ONORCADUTI, Tenente di Vascello Raffaele Cerretini, e condotta dal Maggiore Rosalino Di Falco.

Durante la visita è stato possibile toccare con mano il lungo e delicato lavoro che il personale del Centro ha fatto dall’arrivo dei faldoni cartacei (ben 318.740 fascicoli, pari a 127 pallet ovvero 2,6 Km lineari d’archivio), all’immagazzinamento, all’assegnazione del codice identificativo a barre dei pallet, delle scatole dei faldoni e dei singoli fascicoli, alla loro Sanificazione e Depolverizzazione, alla rimozione dei fermagli e punti metallici, al taglio dei bordi e rimozione delle pieghe, fino alla scansione foglio per foglio e la definitiva archiviazione, dopo attenti esami di verifica e controlli di qualità. Un lavoro che ha coinvolto più di 70 persone tra civili e militari e che giustamente l’ingegnere Grillo ha definito “biblico”.

Adesso, grazie alla banca dati, in formato pdf/A, che garantisce che il documento sia visualizzabile sempre allo stesso modo, anche a distanza di tempo e con programmi software diversi, sarà possibile effettuare con estrema rapidità una ricerca completa, di tutto lo stato di servizio di ogni singolo caduto e disperso della Seconda Guerra Mondiale. I fascicoli cartacei verranno conservati dal Ministero della Difesa, in via Marsala a Roma.

Nel suo intervento il Generale D. Veltri ha tenuto a ringraziare tutto il personale del Centro ma anche il Capo di Stato Maggiore della Difesa, il Ministro della Difesa e il Ministero per e delle attività Culturali e del Turismo  (MIBACT) che hanno voluto fortemente che si portasse a termine questo progetto, esempio di operosità del pubblico impiego, altre volte criticato.

ONORCADUTI non poteva iniziare al meglio la celebrazione dei 100 anni dalla sua costituzione, che, inoltre, prevede altre importanti commemorativi a carattere religioso e un convegno presso il Centro Alti Studi della Difesa.

Adesso, il prossimo obiettivo sarà quello di digitalizzare l’Albo d’Oro dei caduti della Prima Guerra Mondiale. Buon lavoro!

 

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Cambio del Comandante del Comaca di Sabaudia

Read More →