Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Current Article

Grasso e cervello: un brutto affare!

By   /   27 Aprile 2019  /   Commenti disabilitati su Grasso e cervello: un brutto affare!

Le maniglie dell’amore oltre a ridurre il nostro sex-appeal sembra abbiano ripercussioni anche sull’intelligenza. Uno studio del Leiden University Medical Center, in Olanda, pubblicato sulla rivista scientifica Radiology afferma che essere obesi e con un quantitativo di grasso corporeo in eccesso abbia ripercussioni negative anche a livello del Sistema nervoso Centrale (SNC). Lo stato di obesità già da diversi studi è considerato un fattore di rischio per la salute e, di fatto, una vera e propria malattia che coinvolge l’intera persona. I ricercatori olandesi hanno studiato oltre 12.000 immagini cerebrali di altrettanti pazienti partecipanti allo studio di Biobank del Regno Unito. La professoressa Ilona A. Dekkers, coordinatrice e autrice principale dello studio, ha dimostrato che avere elevati livelli di grasso distribuiti sul corpo causa una riduzione in termini di volume di importanti e indispensabili strutture del cervello, comprese quelle della materia grigia che sono quelle deputate all’intelligenza e ad altre funzioni cognitive. Tali anomalie sono diverse a seconda che si tratti di donne o di uomini. Nel sesso femminile l’aumento di grasso corporeo è associato ad un’alterazione del globo pallido (struttura del cervello coinvolta nei movimenti volontari). Negli uomini, di contro, un eccesso di grasso nell’organismo causa una riduzione della materia grigia in generale e di alcune strutture coinvolte nei circuiti relativi ai movimenti e alla ricompensa. Le cause di tali alterazioni non sono del tutto note ma l’ipotesi è che un aumento del grasso corporeo causi uno stato infiammatorio che sovverte le strutture cerebrali.

Per misurare il nostro grado di obesità viene comunemente utilizzato l’Indice di Massa Corporea detto anche Body Mass Index – BMI – che si calcola secondo questa formula “peso in kg diviso il quadrato dell’altezza espressa in metri al quadrato”. Ecco un esempio: uomo alto 172 cm con peso di 95 kg – formula 95 kg : (172×172) = 95 : 29584 = 32.1 – 1° grado di obesità.

Un IMC:

  • inferiore a 18,5 indica sottopeso; un IMC compreso tra 18,5 e 24,9 = normopeso
  • compreso tra 25 e 29,9 = sovrappeso
  • compreso tra 30 e 34,9 = 1° grado di obesità
  • compreso tra 35 e 39,9 = 2° grado di obesità
  • maggiore di 40 = 3° grado di obesità.

 

Maurizio Lupardini

    Print       Email

You might also like...

Il miele: un alleato per la nostra salute

Read More →