Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Scienza  >  Current Article

Matrimonio felice? Chiedilo al tuo DNA

By   /   4 Marzo 2019  /   Commenti disabilitati su Matrimonio felice? Chiedilo al tuo DNA

La Yale School of Public Health ha pubblicato sulla rivista Plos One uno studio dove, per la prima volta, è stato visto che mutazioni di uno specifico gene rendono la soddisfazione coniugale significativamente maggiore rispetto ad altre coppie che avevano genotipi diversi. In particolare gli studiosi hanno esaminato il ruolo svolto da una variante genetica che riguarda quello che comunemente è noto al grande pubblico come l’ormone dell’attaccamento e dell’affetto: l’ossitocina che svolge una funzione importante nello stabilire i legami affettivi. La ricerca ha interessato 178 coppie di coniugi dai 37 ai 90 anni d’età. A ciascun partecipante il gruppo di ricerca guidato da Joan Monin, professore associato e coautrice del lavoro, è stato prelevato un campione di saliva per la genotipizzazione (definizione delle differenze nel corredo genetico di un individuo tramite l’esame della sequenza individuale del suo DNA).  ed è stato somministrato un questionario per valutare la soddisfazione del proprio matrimonio. Analizzando il DNA delle coppie i ricercatori hanno dimostrato che coloro che nel proprio genotipo (costituzione genetica di un individuo) posseggono la variante OXTR rs53576 all’interno del gene per il recettore dell’ossitocina, tendono ad essere più soddisfatti delle proprie relazioni coniugali. E’ sufficiente che uno solo dei coniugi possegga tale variante affinché il matrimonio rimanga una costante “luna di miele”.

La variante genetica, secondo quanto riportato nello studio, rende l’attaccamento al partner meno ansioso e ciò si riverbera in maniera positiva sul rapporto di coppia rendendolo “tranquillo” e con ridotti livelli di stress. I ricercatori hanno stimato che la mutazione genetica rilevata influisce complessivamente per il 4% della varianza della soddisfazione coniugale. Una percentuale piccola ma con un’influenza comunque significativa, come puntualizzato dagli autori, se vengono considerati i fattori socio-ambientali e gli altri fattori genetici a cui sono esposte le coppie. Per il futuro cosa dovremmo aspettarci? Matrimoni con certificati genetici a seguito? Speriamo di no e comunque laddove ci siano litigi e incomprensioni da oggi possiamo sempre dare la colpa al nostro DNA.

 

Maurizio Lupardini

 

    Print       Email

You might also like...

Buon umore con i Queen: lo dice la scienza

Read More →