Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Morto il capo delle spie russe

By   /   22 novembre 2018  /   Commenti disabilitati su Morto il capo delle spie russe

Igor Korobov, il capo del GRU, l’intelligence russa, è morto “a causa di una seria e lunga malattia”, lo ha comunicato il ministro della Difesa russo e la notizia è stata ripresa dall’agenzia TASS, secondo la quale è stato un eroe.

Il generale aveva 62 anni ed era noto in Occidente soprattutto perché ritenuto responsabile dell’avvelenamento dell’ex spia russa Sergei Skipral e sua figlia, mentre si trovavano in Gran Bretagna, a Salisbury. Anche l’Olanda lo ha accusato di aver tentato di hackerare il controllo globale delle armi chimiche, e le agenzie di intelligence degli Stati Uniti affermano di aver tentato di hackerare le elezioni presidenziali del 2016. Azioni che la Russia ha sempre negato fermamente.

Sul destino di Korobov sembra abbiano pesato le dure critiche ricevute dal presidente Vladimir Putin dopo il caso Skripal che hanno gettato discredito su tutto il GRU. Infatti, Korobov non era presente alla cerimonia a Mosca per il centenario del GRU, celebrata alla presenza di Putin.

Korobov era un veterano che aveva prestato servizio nell’aviazione e, secondo la sua biografia ufficiale, iniziato a lavorare per il GRU nel 1985, diventando direttore nel 2016. Il GRU, fondato nel 1918 dopo la rivoluzione bolscevica, è una delle tre principali agenzie di intelligence della Russia, insieme al servizio di sicurezza federale interno e al servizio di intelligence estera SVR.

Nella corsa al successore si fa il nome del generale del GRU Sergey Gizunov, come Putin originario di San Pietroburgo.

 

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

In Brasile uno squilibrato fa 4 morti

Read More →