Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Le prime conseguenze del voto tedesco nell’Assia

By   /   29 ottobre 2018  /   Commenti disabilitati su Le prime conseguenze del voto tedesco nell’Assia

La Cancelliera Angela Merkel ha mal digerito la recente sconfitta elettorale in Assia del suo partito, il Cristiano Democratico (CDU), e ha annunciato le sue dimissioni da capo del partito e che alla fine del suo quarto mandato non si ripresenterà e lascerà la vita politica.

La corsa al suo successore è già iniziata, per le elezioni a capo del partito CDU previste il prossimo dicembre. Il più accreditato sembra essere Friedrich Merz, l’ex leader della Christian Social Union (CSU).

La perdita di consenso, che si era già verificato nelle elezioni in Baviera, è probabilmente dovuto alla perdita di favore sia nei confronti della Merkel, ormai da 13 anni al comando, sia della politica espressa dalla “grande coalizione”, a cui leader della SPD Andrea Nahles ne ha addebitato la sconfitta.

Entrambi CDU e SPD hanno avuto un forte calo di voti, a tutto vantaggio del partito dei Verdi che ha ottenuto il 19.8% dei consensi, della ultra destra AFD che con il 12,8% dei voti ed entra così nel Parlamento della Land e dei Liberali che passano dal 5% al 7,8%. 

Pur affermandosi come primo partito, la CDU e i Verdi hanno ora una maggioranza molto risicata, di un solo seggio, e questo rende molto difficile la loro alleanza, formatasi nel 2014.

Le possibili alternative potrebbero essere una coalizione, la cosiddetta Giamaica (Giallo-Verde-Nero), tra CDU-Verdi e FDP, oppure quella già battezzata “semaforo” ( Rosso-Giallo-Verde), senza la CDU. 

Tuttavia, la tenuta del governo centrale non sembra essere a rischio, soprattutto perché l’alternativa sarebbe il ritorno alle urne. Eventualità che la Germania vuole evitare anche per le difficili relazioni in seno all’Unione Europea, sia per la Brexit e sia per la situazione italiana.

 

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Arrestato il Presidente della Nissan

Read More →