Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Attualità  >  Current Article

Stop calvizie: un profumo è la speranza?

By   /   30 settembre 2018  /   Commenti disabilitati su Stop calvizie: un profumo è la speranza?

Buone notizie per i calvi. Uno studio pubblicato su Nature Comunications, ha scoperto che i capelli “annusano” e, cosa ancora più interessante, preferiscono l’odore e il profumo del legno di sandalo. Un gruppo internazionale di ricercatori delle Università di Miami, Manchester e Munster, guidati dal dermatologo professor Ralf Paus, ha scoperto che nei capelli è presente il recettore olfattivo OR2AT4. Questo recettore, già individuato nelle cellule della pelle sulle quali ha un effetto stimolante, potrebbe molto presto diventare il punto centrale per nuove terapie contro la caduta dei capelli.

Ponendo in contatto il profumo al sandalo su dei campioni di cuoio capelluto umano si è apprezzato, dopo appena 6 giorni, un aumento del 25-30% della produzione dell’ormone della crescita, importante per il ricambio pilifero. Ma c’è di più: il composto ha avuto anche l’effetto di ritardare la morte naturale delle cellule interessate nella formazione dei capelli aumentandone il tempo di allungamento della fase di crescita. Lo studio ha inoltre dimostrato che i recettori per l’olfatto non sono presenti solo nel naso bensì in altre parti del corpo come appunto i bulbi piliferi.

Il prof. Paus intervistato dall’Indipendent, ha affermato che l’azione del profumo del legno di sandalo possa svolgere un’azione d’aiuto per “una crescita di capelli sostanziale con risultati clinici evidenti”.

Al momento attuale è in corso un nuovo studio su più ampia scala i cui risultati sono attesi per l’inizio del 2019.

Il passaggio dalla sperimentazione alla messa in commercio di un prodotto a base di essenze che intervenga sulla calvizie, sembra non necessitare di molto tempo.

A breve riusciremo a dire che al calvizie è stata battuta grazie a…ondate di profumo! Lo sperano in molti.

Maurizio Lupardini

    Print       Email

You might also like...

Allarme clima: fa male anche alla nostra mente

Read More →