Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Gli USA annunciano la creazione di un Gruppo di Pressione contro l’Iran

By   /   17 agosto 2018  /   Commenti disabilitati su Gli USA annunciano la creazione di un Gruppo di Pressione contro l’Iran

Il Segretario di Stato americano Mike Pompeo ha annunciato la creazione di un Gruppo di Pressione Internazionale, denominato Iran Action Group, per perseguire il disegno del Presidente Trump di costringere l’Iran ad accettare le proposte di revisione dell’Accordo sul nucleare in termini favorevoli agli USA.

Il Gruppo dovrebbe essere alle dipendenze del Dipartimento di Stato e diretto da Brian Hook, attualmente Direttore della pianificazione del Dipartimento di Stato, lo stesso che aveva negoziato con gli alleati Europei perché accogliessero le proposte di Trump prima che lo stesso decidesse di ritirarsi dall’Accordo sul nucleare e riapplicare le sanzioni rimosse da Obama.

Visto che il tentativo di Hook fallì, con la creazione del Gruppo, l’Amministrazione cerca ora di costringere i partner europei ad aderire al suo progetto pena l’applicazione di sanzioni alle industrie che continuassero a commerciare con l’Iran e, soprattutto, importare petrolio iraniano. “Siamo pronti a imporre nuove sanzioni ai governi che continuano questo commercio con l’Iran”. I paesi Europei, Turchia, Cina e India sono nel mirino.

Per giustificare questo nuovo atteggiamento aggressivo, il Segretario di Stato Mike Pompeo, ha anche aggiunto: “Per 40 anni il regime di Teheran si è reso responsabile di violenze e comportamenti destabilizzanti contro gli Stati Uniti, i nostri alleati, i nostri partner e anche lo stesso popolo iraniano. La nostra speranza e che un giorno, al più presto, si possa raggiungere un nuovo accordo con l’Iran, ma dobbiamo vedere un drastico cambiamento nel comportamento del regine sia entro che fuori  i propri confini”. Concetto ribadito la scorsa settimana, quando Hook ha incontrato a Londra i rappresentanti di Gran Bretagna, Francia e Germania.

Il riferimento al supporto agli Hezbollah, ai gruppi fedeli al governo siriano, e il sostegno agli Houthi nella guerra in Yemen, è evidente. 

Insomma: “O con me o contro di me”! Trump ancora una volta alza la voce e tuona contro tutti coloro che non la pensano come lui. 

 

di Vito Di Ventura

 

    Print       Email

You might also like...

Aereo russo abbattuto dalla controaerei siriana

Read More →