Loading...
You are here:  Home  >  Accade oggi  >  Current Article

12 luglio 1944: Le SS compiono l’eccidio di Cibeno

By   /   12 luglio 2018  /   Commenti disabilitati su 12 luglio 1944: Le SS compiono l’eccidio di Cibeno

Le truppe delle SS, al comando del tenente Karl Müller, fucilano a Cibeno, nei pressi di Carpi, 67 prigionieri del campo di concentramento di Fossoli. Il giorno prima del massacro, i prigionieri furono avvisati di un loro trasferimento presso un campo di lavoro in Germania e spostati presso un’altra baracca della struttura per facilitarne il trasporto. I prigionieri destinati alla fucilazione erano 70, di cui tre riuscirono a sopravvivere. Il primo, Teresio Olivelli si nascose in una baracca per settimane, mentre Mario Fasoli e Eugenio Jemina riuscirono a fuggire al momento dell’esecuzione aggredendo due soldati delle SS. Ancora oggi l’eccidio di Cibeno viene ricordato come “l’atto più efferato commesso nell’Italia occupata dalle SS su persone internate in un campo di concentramento”.

    Print       Email

You might also like...

18 settembre 1992: Viene declassificata l’esistenza del NRO

Read More →