Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Vertice a Dalian tra Xi Jinping e Kim Jong Un

By   /   9 maggio 2018  /   Commenti disabilitati su Vertice a Dalian tra Xi Jinping e Kim Jong Un

Xi e Kim Joung UnIl Presidente cinese Xi Jinping e il Presidente nordcoreano Kim Jong Un, dopo 40 giorni dal loro ultimo incontro, hanno trascorso 2 giorni, il 7 e l’8 maggio, a Dalian, una località nella provincia Liaoning nel nordest della Cina.

Cina e Nord Corea hanno sempre avuto ottimi rapporti, ma l’applicazione delle ultime sanzioni, a cui ha aderito anche la Cina, hanno frenato gli scambi commerciali, con riflessi sull’economia nordcoreana.

L’argomento principale dei colloqui è stato il momento particolare che la Repubblica Democratica del Popolo Coreano (DPKR) sta vivendo, ovvero i profondi cambiamenti e l’apertura verso il mondo esterno, e in particolare verso la Corea del Sud, iniziati coni recenti giochi olimpici, e proseguiti con la rinuncia agli ulteriori test atomici e la volontà di riaprire il tavolo delle trattative sulla denuclearizzazione della penisola coreana.

Al termine dell’incontro, entrambi i leader si sono detti soddisfatti dei colloqui, tesi a rinforzare l’amicizia tra i due popoli, la cooperazione, le comunicazioni strategiche, la pace e la stabilità della regione. In particolare, è stato sottolineata la volontà a migliorare i rapporti di amicizia tra i due popoli, le cui relazioni bilaterali, essendo entrambi paesi comunisti, assumono significato strategico. 

Questa visita acquista particolare rilevanza in prospettiva del prossimo “storico” incontro con il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, dopo che i due leader che nel recente passato non si sono risparmiati reciproche e pesanti accuse.

In preparazione di questo evento si inquadra la visita odierna, la seconda, del Segretario di Stato americano, Mike Pompeo, in Corea del Nord, dove probabilmente incontrerà il leader Kim Jong Un, di rientro dalla Cina. Come segno di buona volontà, Pompeo chiederà, tra l’altro, il rilascio dei 3 americani detenuti in Nord Corea. SI tratta di 3 coreani-americani — Kim Dong Chul, Kim Hak Song e Tony Kim — accusati di attività sovversive.

La pianificazione è stata fatta, le relazioni sono state riallacciate e con l’aiuto della Cina, della Corea del Nord e del Giappone saremo in grado di costruire un futuro di prosperità e sicurezza per tutti”, questo stato il commento di Pompeo alla partenza, cui hanno fatto riscontro le parole di Kim al termine dell’incontro con Xi Jinping: “Spero di stabilire mutue relazioni con gli Stati Uniti, attraverso il dialogo”, aggiungendo che la risoluzione delle tensioni e la denuclearizzazione della Penisola Coreana dovrebbero procedere per gradi, di concerto con tutti gli attori. Tuttavia, in merito non sono chiare quali potranno essere le sue richieste per rinunciare alle armi che con tanto dispendio di energie e fondi ha costruito in questi anni.

 

di Vito Di Ventura

 

    Print       Email

You might also like...

Il caso Khashoggi

Read More →