Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Il governo tedesco sotto attacco informatico

By   /   2 marzo 2018  /   Commenti disabilitati su Il governo tedesco sotto attacco informatico

ReichstagLa rete informatica governativa tedesca è stata sottoposta, e ancora lo è, ad un attacco informatico, lo ha dichiarato Armin Schuster il capo del comitato per l’intelligence del Parlamento.

È un attacco reale a parte del sistema governativo. Si tratta di un processo in itinere, un attacco in corso”, senza, tuttavia, fornire ulteriori informazioni se non che l’attacco è sotto controllo.

La notizia è stata anche ripresa dall’agenzia giornalistica DPA (Deutsche Presse-Agentur), secondo la quale si tratterebbe degli stessi hacker russi che attaccarono il Parlamento tedesco nel 2015 e che ora sono riusciti ad infiltrarsi nella rete governativa anche dei ministeri degli esteri e dell’interno.

Si tratta del gruppo denominato APT28 – altrimenti noto come “Fancy Bear” o “Sofacy”– legato all’agenzia di intelligence militare russa GRU (Glavnoe Razvedyvatel’noe Upravlenie – Direttorato principale per l’informazione), lo stesso che è accusato di aver interferito nelle elezioni presidenziali americane  del 2016 contro Hilary Clinton, e che molto probabilmente ha installato un malware nella rete ministeriale da circa un anno. La sicurezza tedesca lo ha individuato solo lo scorso dicembre.

L’attacco ha sottratto 17 gigabyte di dati che potrebbero essere usati per ricattare o discreditare i deputati. In un altro attacco, nel settembre 2016 ai siti di diversi partiti politici furono inviate delle false e-mail supposte provenienti dalla NATO che contenevano link che installava il software spia sul computer vittima.

Queste mail infettarono le operazioni della rete regionale dei Cristiano Democratici della Merkel e gli uffici federali del partito di sinistra Die Linke. Per questo il ministero della Difesa nel 2016 ha creato uno specifico dipartimento per coordinare la risposta alle intrusioni.
di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Brexit: ancora problemi per la May

Read More →