Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Lettera aperta dei talebani al popolo americano

By   /   15 febbraio 2018  /   Commenti disabilitati su Lettera aperta dei talebani al popolo americano

TalebaniI talebani hanno inviato una lunga lettera aperta al “popolo americano” affinché faccia pressioni sul governo per abbandonare l’Afghanistan, ricordando che la guerra, la più lunga in cui gli americani siano stati coinvolti, è già costata trilioni di dollari.

Nella lettera, indirizzata anche ai dipendenti delle organizzazioni non governative e ai deputati amanti della pace, i talebani sottolineano che da tempo si sono offerti per un dialogo diretto con Washington, che invece ha sempre rifiutato, adducendo come pretesto che tale dialogo debba avvenire direttamente tra il governo afgano e i Talebani.

Preferiamo risolvere la questione afgana attraverso un dialogo pacifico, ma l’America deve porre fine alla sua occupazione e accettare tutti i nostri diritti legittimi, incluso quello di formare un governo coerente con le credenze del nostro popolo”. Traspare, quindi, che nel loro futuro governo non ci sia posto per gli attuali amministratori. Infatti, nonostante i numerosi contatti informali e regolari tra talebani e alti funzionari afghani, al momento, non si intravedono prospettive per intavolare seri di colloqui di pace che possano porre fine alla lunga guerra.

I talebani promettono un governo più aperto, diritti e scolarizzazione per tutti, compreso le donne, e  si  scagliano contro la diffusa corruzione nel governo afgano e la fiorente industria dei narcotici, su cui, a detta dei funzionari, gli insorti guadagnano milioni di dollari in tasse e pedaggi, facendo pagare per il trasferimento del carico sui mercati. L’Afghanistan è il più grande produttore mondiale di oppio, la materia prima utilizzata per produrre eroina.

I talebani hanno attaccato la strategia del Presidente degli Stati Uniti Donald Trump, annunciata lo scorso agosto, che chiedeva alle forze militari di intervenire in modo da rendere i talebani più malleabili e portarli al tavolo dei negoziati. A questa politica, nella loro lettera i talebani hanno risposto dicendo che: “Se la politica dell’uso della forza viene esercitata per altri 100 anni e vengono adottate 100 nuove strategie, il risultato di tutte queste sarà lo stesso degli ultimi sei mesi”.

 

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

In Brasile uno squilibrato fa 4 morti

Read More →