Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Current Article

Lesina giorno 5: Last but not least… pomodori, latte e derivati

By   /   4 febbraio 2018  /   Commenti disabilitati su Lesina giorno 5: Last but not least… pomodori, latte e derivati

Mi sveglio con un fastidioso cielo grigio, nella mente the end dei Doors. È l’ultimo giorno in questa terra meravigliosa e anche il tempo sembra triste, ma non voglio lasciarmi trasportare, bisogna vivere appieno ogni istante. E poi oggi è un’altra giornata all’insegna di gusto e tradizione, non posso certo lasciarmela guastare così, non sarebbe proprio da me e si parte con il solito ottimismo.

la bufalaraLa mattina inizia con una sosta all’azienda La Bufalara, un interessante e gustoso fuori programma. Faccio amicizia con gli animali e ascolto affascinata il racconto di una passione che si tramanda in famiglia da generazioni. Qui tutto segue i ritmi della natura e io sono davvero curiosa. Le mie aspettative poi vengono decisamente soddisfatte dall’assaggio, la mozzarella è buonissima e gli altri formaggi non sono da meno.

azienda agricola turcoSi riparte alla volta dell’azienda agricola Turco, siamo in Puglia e non potevamo certo farci mancare i pomodori. Coltivati vicino alla laguna questi acquisiscono un carattere inconfondibile al quale si aggiunge l’ardore proveniente da una bellissima storia di famiglia. Ed è proprio la famiglia che ci accoglie, Gino Turco ci spiega tutti i segreti di un prodotto di eccellenza. Dalla passata tradizionale ai pomodori secchi passando per il tipico datterino. Non potevo certo farmi mancare il collaudo di queste meraviglie e oggi pranzo a base di pomodoro, in tutte le sue sfaccettature. Anche qui non è mancata l’attenzione al gluten free e con grande soddisfazione posso dire che l’amore di questa famiglia per la terra si riscopre davvero nei suoi prodotti.

È uscito anche il sole e, dalla passerella sull’acqua ormai simbolo della città, Lesina ci regala un tramonto spettacolare. È il sito archeologico di San Clemente, ricordo di un monastero benedettino con la croce che affiora dall’acqua ma anche testimonianza di origini molto più antiche. Qui agli originari insediamenti palafitticoli subentra un’antica peschiera romana, ad oggi l’unica ritrovata sull’Adriatico. Mi perdo ad osservare i colori di questa cartolina, luci ed ombre che giocano con i miei pensieri.

Lo stomaco che brontola mi riporta alla realtà, è ora di cena. Stasera si torna al Risto Bar Acquarotta di In Laguna e di nuovo c’è un menù tutto senza glutine pensato apposta per me. Riesco a sbirciare anche in cucina dove, come sospettavo, ritrovo calore e passione, amore per la propria terra e un’incredibile attenzione per i dettagli.

di Marta Parcesepe

    Print       Email

You might also like...

Epidemia diabete: che fare?

Read More →