Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Fumetti  >  Current Article

La memoria delle tartarughe marine

By   /   30 ottobre 2017  /   Commenti disabilitati su La memoria delle tartarughe marine

tarta1La tartaruga marina torna a deporre le sue uova sulla spiaggia dove è nata. Non importa quanto tempo sia passato, quanto distante si trovi, quando è il momento la tartaruga riesce a tornare sempre dove è nata. Questo fenomeno si chiama “natal homing“. Il nuovo graphic novel di Simona Binni ci racconta la storia di due fratelli: Giacomo e Davide. Nati a Lampedusa i due crescono con due caratteri agli antipodi. Giacomo vuole fuggire dall’isola ed “evolvere” per garantirsi un futuro agiato mentre Davide sceglie di inseguire i suoi sogni restando a Lampedusa per studiare le tartarughe. Con la morte di Davide il fratello riceve in eredità un peschereccio, il Nautilus IV.

tarta2Oltre al Nautilius IV troverà altre sorprese ad attenderlo. Inaspettate e in parte anche sconvolgenti ma che in breve porteranno un vento di cambiamento nella sua vita. Ovviamente Giacomo, che vive a Milano, non vorrebbe dover tornare a Lampedusa per doversi occupare di questa eredità, ma sarà costretto a farlo. Al suo arrivo sull’isola scoprirà tante cose sul fratello, sulla decisione di restare a Lampedusa e sul non lasciare che la “paura” condizioni la sua vita. Questo lavoro di Simona Binni tratta il tema della vita, delle scelte, della volontà di inseguire i propri sogni, anche se molte scelte sembrano poco “razionali”.  Apprezzare le proprie radici, la propria cultura senza rinunciare ad accettare il cambiamento e riuscire ad evolversi senza abbandonare le proprie origini e la propria vocazione. Tutto questo Simona ce lo mostra con delicatezza raccontandoci la storia di due fratelli, due persone che hanno sempre avuto una visione della vita agli opposti. Lo stile grafico di Simona Binni è ormai maturo, in questo libro si dimostra una grande fumettista in grado di emozionare con immagini e colori. La colorazione di questo volume è uno degli elementi chiave della narrazione. Cambia nei toni e riesce ad emozionare e raccontare “un’atmosfera” anche senza bisogno di parole. Una colorazione che diventa un elemento basilare del racconto.

tarta3Molto simpatici gli “easter eggs” contenuti nella storia, come ad esempio la celebre copertina di un capolavoro della musica grunge. Il libro, edito da Tunué, fa parte della collana Prospero’s books. Il volume è cartonato, a colori, e stampato su carta e materiali di ottimo livello. Suggestiva e dai colori meravigliosa la copertina, calda e accogliente come una passeggiata in riva al mare sulla sabbia calda.

“La memoria delle tartarughe marine” è una lettura adatta a tutti; un’opera che fa riflettere sul rapporto tra ragione ed emozione, tra razionalità ed istinto. Un viaggio emotivo che ricorda quella delle tartarughe, che tornano sempre nel luogo dove sono nate per far nascere una nuova vita.

La memoria delle tartarughe marine. Edizioni Tunué. Colori. Cartonato. Euro 16,90

di Ruffino Renato Umberto

    Print       Email

You might also like...

kuper3

Tra Frida e le farfalle: Intervista a Peter Kuper

Read More →