Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Fumetti  >  Current Article

Corto Maltese: nuoce gravemente alla salute?

By   /   28 agosto 2017  /   Commenti disabilitati su Corto Maltese: nuoce gravemente alla salute?

corto-malteseFUMOIl comunicato della Codacons:

Una denuncia all’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, all’Autorità per le garanzie nelle telecomunicazioni e alla Procura della Repubblica di Roma riguardo la nuova storia inedita di Corto Maltese, ‘Equatoria’, in regalo con il quotidiano La Repubblica e in cui il protagonista è raffigurato spesso con la sigaretta tra le labbra. Il Codacons interviene contro quello che potrebbe rappresentare “un invito subliminale a fumare”: un messaggio scorretto, ineducativo, fuorviante e pericolosissimo, soprattutto per i giovani lettori, per il continuo e ripetuto lasciarsi andare, da parte del personaggio del popolare fumetto, al vizio del fumo. Com’è noto infatti, Corto Maltese, l’avventuriero romantico e ironico, si caratterizza quale fumatore: il che potrebbe integrare una possibile violazione del divieto di propaganda pubblicitaria dei prodotti da tabacco nonché una forma di pubblicità pericolosa contenente messaggi di istigazione al fumo, in particolare verso i minorenni. Va considerato in proposito che il divieto di propaganda pubblicitaria dei prodotti da fumo è esteso ai comportamenti posti in essere da chiunque, e non solo alle società produttrici di sigarette, come chiarito dalla Corte di Cassazione: ciò indipendentemente dall’esistenza, o non, di un accordo tra il titolare del marchio prioritario e colui che successivamente lo utilizzi negli elementi qualificanti. L’emergenza legata al fumo, d’altra parte, è ormai arcinota. Il fumo di sigaretta è, secondo l’Oms, la prima causa di morte evitabile al mondo. Ogni anno in Italia muoiono oltre oltre 70mila persone per questa ragione. Senza contare che a livello ambientale, le sigarette possono considerarsi elementi altamente inquinanti sia per le sostanze immesse nell’ambiente attraverso il fumo sia per i residui che permangono nel filtro. Per questo motivo quello che ad alcuni può sembrare come un fatto secondario (l’associazione eroe-sigaretta) rappresenta invece un rischio immediato, una “sorta di istigazione a fumare” tacita ma non per questo meno pericolosa. Se il fumo diventa “simbolo di uno status sociale degno di prestigio” passa in secondo piano l’oggettiva pericolosità di questo comportamento. “Una vera campagna di civiltà non promuove certo la sigaretta e il fumo utilizzando l’immagine di un personaggio amato dai lettori ma mira a sensibilizzare la collettività sulle gravi problematiche e conseguenze, spesso mortali, connesse al tabagismo”, commenta il Presidente Carlo Rienzi. “Per questo ci aspettiamo che Maltese ‘smetta’ di fumare, ovvero che venga finalmente eliminata la sigaretta dai disegni, cosa che non avvenne per Tex Willer. Nel frattempo, in attesa di questa saggia decisione segnaliamo il caso alle autorità competenti”, conclude.

corto-maltese

Questo comunicato stampa della Codacons datato 26 Agosto fa riferimento al nuovo volume di Corto Maltese: Equatoria.

Il primo dubbio che mi sovviene è semplice. Come mai la Codacons si è accorta che Corto Maltese fuma solo nel 2017? Il personaggio di Pratt è nato nel 1967 e non ha mai perso il vizio del fumo! Magari si potrebbe sottolineare che l’intervento del Codacons fa riferimento ad Equatoria, ultimo episodio di Corto Maltese, uscito in anteprima in omaggio con La Repubblica.

Perfetto! In effetti avrebbe senso, l’attenzione rispetto al vizio del fumo è “recente” e le storie di Pratt risalgono ad un periodo dove fumare era una cosa normale (basta guardare i film degli anni 80 dove fumavano tutti ed in ogni luogo). Ma allora perché sollevare questo “polverone” con Equatoria? Le “nuove” avventure di Corto Maltese realizzate da Canales e Pellejero sono iniziate con “Sotto il sole della mezzanotte”, un volume uscito nel 2015. Come mai quel volume non è finito sotto la lente attenta del Codacons? Nel 2015 il fumo non nuoceva gravemente alla salute?

Forse al Codacons non vigilano in libreria? Si fermano alle edicole, quindi per fortuna Equatoria è stato regalato con un quotidiano, altrimenti saremmo stati tutti corrotti dai vizi di Corto Maltese senza esserne consapevoli. Mi sembra ovvio che questa segnalazione sia un modo per far parlare di si, magari per ricordare al publico che il Codacons esiste ancora, la classica notizia “stramba” che risveglia il pubblico assopito dalla calura estiva.  Sarebbe bello poter sapere come avrebbe risposto Hugo Pratt a questa polemica.

In attesa che i “fumetti” smettano di fumare ma, soprattuto che smettano di “corrompere” le nuove generazioni il consiglio è sempre lo stesso. Leggete fumetti!

Di Ruffino Renato Umberto

    Print       Email

You might also like...

kuper3

Tra Frida e le farfalle: Intervista a Peter Kuper

Read More →