Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

La visita di Erdogan negli Stati Uniti

By   /   17 maggio 2017  /   No Comments

Trump e ErdogsnErdogan e Trump si sono incontrati ieri per cercare di ricucire le relazioni che negli ultimi tempi hanno subito alcuni strappi, alquanto importanti.

Nonostante Trump abbia voluto addolcire i rapporti facendo leva sul lunghi rapporti di “amicizia e alleanza che ci legano”, le divergenze restano, specialmente dopo l’ultima decisione americana di fornire armi controcarri ai combattenti curdi siriani, che stanno avanzando verso la roccaforte IS di Raqqa e il cui ruolo è ritenuto dagli USA importante per combattere i terroristi dello Stato Islamico.

Ma i controcarri, se da un lato possono fermare gli attacchi condotti con camion suicidi dei militanti di IS, giustificazione americana, allo stesso tempo possono fermare i carri armati turchi in terra siriana, e questo non è affatto gradito al governo turco che considera il gruppo curdo di YPG (Unità di Protezione del Popolo Curdo) il braccio armato del PKK. La coalizione a guida americana, infatti, sostiene le Forze Democratiche Siriane (SDF), i curdi della YPG e alcuni gruppi arabi locali.

Non accetteremmo mai che questi gruppi manipolino le strutture religiose e le strutture etniche, adducendo a pretesto o scusa il terrorismo”, ha affermato Erdogan nella conferenza stampa finale congiunta. Tutta la visita di Erdogan era basata, a detta degli esperti, proprio su questa questione: fermare l’armamento diretto ai curdi, che invece ha ottenuto il consenso dell’amministrazione americana.

Mentre era in corso l’incontro tra i due Presidenti, fuori dall’Ambasciata turca, gruppi di manifestanti hanno protestato e negli scontri con la polizia di sono stati 2 arresti e diversi feriti.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

attentao manchester prima vittima

Manchester: terrorismo nostrano? E’ ora di agire.

Read More →