Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Arte  >  Current Article

In mostra l’eccellenza dell’arte italiana dell’Ottocento

By   /   26 Aprile 2017  /   Commenti disabilitati su In mostra l’eccellenza dell’arte italiana dell’Ottocento

Foto Hayez Boldini

Ci sono mostre che si concentrano su un unico autore, mostre che analizzano aspetti specifici di una corrente artistica ed altre che offrono una panoramica generale di un periodo storico. Tra queste ultime si inserisce “Da Hayez a Boldini. Anime e volti della pittura dell’Ottocento”.

Si tratta di una selezionata carrellata di un centinaio di capolavori che abbracciano l’arte italiana di tutto il diciannovesimo secolo. Il pubblico potrà ammirare nell’occasione opere rappresentative di molti movimenti pittorici: dalla Scapigliatura al Romanticismo, dai Macchiaioli ai Divisionisti, fino agli artisti della Belle Époque.

Location dell’evento, fino al prossimo 11 giugno, è il Palazzo Martinengo, storico edificio nobiliare di Brescia. La kermesse, curata da Davide Dotti, è frutto dell’organizzazione dell’Associazione Amici di Palazzo Martinengo e della Provincia di Brescia.

Il giovane curatore è riuscito a presentare a Brescia capolavori anche inediti di maestri come Canova, Hayez, Fattori, Segantini, Pelizza da Volpedo, Morbelli, Inganni, De Nittis, Appiani e Boldini. Queste firme, insieme ad altre non meno importanti provenienti per la gran parte da collezioni private, contemplano i maggiori esponenti del XIX secolo.

In ordine prettamente cronologico la rassegna prende avvio con il simbolo dell’estetica neoclassica, ovvero con “Amore e Psiche stanti“, copia in gesso del capolavoro di Antonio Canova esposto all’Ermitage di San Pietroburgo. Dello stesso maestro è presente anche il dipinto “Tre Grazie” del 1799 che si connota per la firma “A. Canova sc.” con cui l’artista ha inteso specificare di essere in primis uno scultore.

Dopo aver preso visione di lavori anche di Andrea Appiani, pittore prediletto da Napoleone, si passa ad una seconda stanza dedicata al Romanticismo che vede protagonista Francesco Hayez con lavori prestigiosi come “Maria Stuarda sale al patibolo“, opera di ben tre metri per due, “Vergine addolorata“, nonché “Ritratto del principe Barbiano di Belgioioso“.

Testimonianza della Scapigliatura è invece il bronzo a cera persa “Beethoven giovinetto” di Giuseppe Grandi insieme ai dipinti tra gli altri di Tranquillo Cremona. Pelizza da Volpedo introduce poi il periodo del Divisionismo con “Membra stanche“, cui fanno seguito “Alpe di maggio” di Segantini e la “Maternità” di Previati.

A ricordarci invece il periodo indimenticabile degli italiani a Parigi, un’opera su tutte: “La principessa Radziwill“, uno dei quadri più noti di Boldini. Di quest’ultima brillante avventura artistica legata alla capitale d’Oltralpe, da ammirare anche opere di De Nittis, Zandomeneghi con “Serate di gala” e Corcos con il “Pierrot con gattino”.

Da citare la presenza anche di lavori dei Macchiaioli fiorentini e di dipinti tra gli altri di Angelo Inganni, pittore bresciano che si presenta nell’occasione con due splendide “Vedute di Piazza della Loggia“, nonché con “Donna che cucina lo spiedo“, opera celebrativa della cultura gastronomica locale.

Non essendo possibile per motivi di spazio citare tutti gli artisti e le opere presenti in rassegna, ci limitiamo a segnalare il catalogo che accompagna la mostra, edito da Silvana Editoriale. La sede espositiva bresciana ha allestito un evento di sicuro richiamo per turisti e abitanti locali.

Una mostra che consente una panoramica su una lunga stagione aurea della storia dell’arte italiana, di cui può beneficiare un pubblico di non addetti ai lavori per apprendere quanto eccelso fu il livello raggiunto dai pittori italiani in particolare durante il Romanticismo e l’epoca della Belle Époque.

di Aurora Portesio

Da Hayez a Boldini. Anime e volti della pittura dell’Ottocento
a cura di Davide Dotti
dal 21 gennaio all’11 giugno 2017
Palazzo Martinengo, Via dei Musei 30, Brescia
orari: da mercoledì a venerdì ore 9-17,30; sabato, domenica e festivi ore 10-20

    Print       Email

You might also like...

Mostra del cinema di Venezia: al via il 2 di settembre

Read More →