Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Trump firma il “Buy America, Hire American”

By   /   19 aprile 2017  /   Commenti disabilitati su Trump firma il “Buy America, Hire American”

Si avvicinano i primi 100 giorni di presidenza e Donald Trump cerca di raggiungere almeno un risultato in politica interna. Era, infatti, partito a spron battuta con la cancellazione della riforma sanitaria di Obama, e questa si è invece arenata al Congresso, poi ci ha provato con la lista nera dei visti d’ingresso dai 7 paesi musulmani e si è scontrato duramente con i Giudici di vari stati.

Adesso ci prova con il “Buy America, Hire American” firmato ieri in Kenosha, Wisconsin. Si tratta del primo atto della riforma del programma “America First”. Questo ordine esecutivo (equiparabile al nostro decreto presidenziale) prevede controlli più stringenti sui Visti H1B di ingresso nel paese per i lavoratori stranieri altamente qualificati.

Il Visto H1B è il visto temporaneo per lavorare in USA che viene concesso a chi sia in possesso di qualifiche accademiche riconosciute negli Stati Uniti o all’estero che ha un’offerta di lavoro da parte di un’azienda americana ed essere impiegato in una “specialty occupation”.

Il documento contiene anche direttive per gli enti governativi di rivedere i requisiti di approvvigionamento attuali e intensificare gli sforzi per acquistare beni made in USA.

Con questo atto vogliamo inviare un messaggio al mondo: Difenderemo i nostri lavoratori, proteggeremo il nostro lavoro e porremo finalmente l’America al primo posto”, così si è espresso il Presidente Donald Trump.

Questa disposizione colpisce compagnie altamente tecnologiche come la “Tata Consultancy Services Ltd”, la “Cognizant Tech Solutions Corp” e la “Infosys Ltd”, che impiegano migliaia di ingegneri e programmatori stranieri sparsi nel mondo, specialmente dall’India.

Mentre l’America si chiude a riccio, Mosca firma con Teheran un accordo per la costruzione di 2 centrali nucleari da 1.000 megawatt. Lo ha annunciato il Ministro per l’Energia, Hamid Chitchian, il quale ha anche aggiunto che è in programma anche un altro accordo per la costruzione di una centrale nucleare di 1.400 megawatt nella provincia di Hormozgan, nei pressi del Golfo Persico.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Sri Lanka maltempo

Sri Lanka: i morti per alluvione salgono a 164

Read More →