Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

La visita del Presidente Sergio Mattarella in Cina

By   /   24 febbraio 2017  /   Commenti disabilitati su La visita del Presidente Sergio Mattarella in Cina

Mattarella in CinaSviluppare comuni sinergie e una maggiore cooperazione commerciale e di investimenti nel medio e lungo termine, questo è in estrema sintesi il risultato della visita del Presidente italiano Sergio Mattarella in Cina.

Incontrando sia il Presidente della Repubblica Popolare cinese, Xi Jinping, sia il Premier cinese Li Keqiang, è stata più volte sottolineata la comune volontà a perseguire una più stretta collaborazione, migliorando livelli di scambi non solo nei settori propriamente industriali, infrastrutturali ed economici, ma anche in quelli culturali, scientifici, sanitari e ambientali.

Collaborazione che dovrebbe raggiungere le aspettative entro il 2020, anno in cui cade l’anniversario dei 50 anni di relazioni diplomatiche tra i due Paesi.

Cosa chiede la Cina all’Italia? Chiede che sostenga le relazioni tra Unione Europea e Cina e che svolga un ruolo attivo affinché l’EU adempia agli obblighi previsti dal Protocollo per l’Accesso della Cina nella Organizzazione Mondiale del Commercio (World trade OrganisationWTO). La Cina è diventata a tutti gli effetti il 143° membro permanente della World Trade Organization l’11 dicembre 2001, dopo aver raggiunto accordi con gli Stati Uniti e l’Unione Europea.

La Cina ha bisogno dell’Italia, ovvero di migliorare gli accordi bilaterali, in particolare con i Paesi europei, specialmente dopo l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea (Brexit), che ha provocato una crisi nelle reciproche relazioni commerciali. Senza tralasciare i possibili effetti economici della ventilata politica protezionistica di Trump.

In questo contesto, l’Italia può certamente rappresentare un ottimo partner non solo per le capacità industriali e tecnologiche, ma soprattutto, per l’attrattiva culturale che da sempre esercita sui cinesi.

A latere delle visite protocollari, alla presenza dei Ministri degli Esteri, Angelino Alfano, e delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio, sono stati firmati accordi commerciali e culturali per un valore di circa 5 miliardi di Euro.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Austrian Foreign Minister Kurz addresses the media in Vienna

L’Austria svolta a destra

Read More →