Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Fumetti  >  Current Article

Dungeon Food n°1

By   /   14 Febbraio 2017  /   Commenti disabilitati su Dungeon Food n°1

DF1Molto spesso da un concetto semplice nascono idee geniali. Dungeon Food è una tipologia di manga che utilizzando un’idea semplice, come il cibo, riesce a creare una trama divertente ed originale. La premessa è elementare: nel genere Fantasy durante le lunghe missioni nei sotterranei bisogna nutrirsi. Non sempre è possibile per varie ragioni e quindi la domanda che si fanno i protagonisti del manga di Ryoko Kui è la seguente: “ci possiamo mangiare i mostri?” Partendo da questa strana domanda, che sembra essere una piccola ossessione del protagonista, Laios, ci addentriamo nel dungeon e scopriamo se in effetti è possibile.

La risposta è ovviamente si! Altrimenti il manga avrebbe avuto vita breve. La cosa interessante è che questa strampalata idea non è un’esclusiva di Laios, ma anche di un buffo nano che viaggia con un’attrezzatura più adatta ad una puntata di “Masterchef” che ad un’impresa eroica.

Questo misterioso “nano chef” si dimostrerà un veterano nell’arte culinaria del dungeon con ricette di ogni tipo e preparazioni tanto fantasiose quanto gustose.

DF2Ogni capitolo del manga è in pratica una porzione del viaggio del gruppo nel dungeon, ma soprattuto ad ogni capitolo scopriamo una ricetta per sfruttare la flora e la fauna che popola il posto. La struttura del manga unisce il fantasy classico con i “cooking manga”. Quindi assistiamo alla preparazione della pietanza con tanto di ricetta e assaggio finale dei protagonisti. Ovviamente chi è un appassionato di fantasy si divertirà tantissimo leggendo cose come: insalate di mandragola, frittate di uova di basilisco e cose del genere. Quello che un tempo era considerato un avversario adesso è considerato un ingrediente.

Inutile continuare a sottolinearlo, questo manga è veramente divertente, soprattuto se pensate all’attuale moda dei cooking show stile Masterchef. Dal punto di vista grafico lo stile dell’autore è una riuscita sintesi tra realistico e talvolta umoristico. Il tratto è leggero e semplice, scelta che rende il fumetto molto leggibile e scorrevole.

DF3L’edizione italiana è opera della J-Pop che come sempre propone ottimi volumi. L’albo è proposto con una sovracopertina dallo stile fantasy ben fatta, stampata su carta opaca e porosa che da l’impressione che il manga sia un libro di cucina medievale. Quindi un’edizione molto bella e curata che vale il prezzo di copertina di 6,90 euro.

A chi è rivolto questo manga?

Bella domanda! Secondo me a due categorie ben definite. A chi ama il fantasy e cerca una “novità” che stravolga un genere ormai troppo cristallizzato nei suoi canoni oppure a chi ama l’innovazione a tutti i costi e trova geniale l’unione di due generi come il fantasy e la cucina.

Quindi sia che siate legati ad un genere tradizionalista o che siate sempre alla ricerca di innovazione direi che Dungeon Food è la serie che dovreste “assaggiare”.

P.S. Secondo me comunque alla fine si scopre che il nano chef è un antenato di Cracco…la barba è la stessa.

Dungeon Food n°1. J-pop, euro 6,90. Pag. 208. BN con sovracopertina.

Di Ruffino Renato Umberto

 

    Print       Email

You might also like...

Gherd La ragazza della nebbia

Read More →