Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Calcio  >  Current Article

CAF 2017 – Indomabile Camerun: dal boicottaggio alla Coppa

By   /   7 febbraio 2017  /   Commenti disabilitati su CAF 2017 – Indomabile Camerun: dal boicottaggio alla Coppa

Onana, Nyom, Assembe, Matip, Aguissa, Puondjé, Amadou, Choupo-Moting; ai quali possiamo tranquillamente aggiungere M’Bia, Chedjou ed Eto’o. Tra disertori (i primi otto) ed esclusi di lusso (i secondi tre) uscirebbe un 11 camerunense ben più competitivo e titolato di quello laureatosi Campione d’Africa per la quinta volta nella sua storia. Basterebbe questa considerazione per far capire la portata dell’impresa realizzata in Gabon da quelli che erano definiti ormai ex Leoni Indomabili.

SUPER HUGO BROOS – Il 2-1 finale, in rimonta, sul blasonato Egitto di Salah ed Elneny ha due principali protagonisti: capitan Moukandjo (Lorient) e il suo tecnico, il belga Hugo Broos. Il primo ha il merito di aver guidato sul campo un gruppo di ragazzi che, per l’intera rassegna continentale, hanno lottato con le armi a loro disposizione; giocando un calcio pratico, senza troppi fronzoli, fatto di voglia e abnegazione; dimostrandosi così capaci di trasformare le polemiche (frattura totale con la federezione locale in merito ai premi che ha quasi portato la squadra a disertare in massa il torneo) nel 12esimo uomo. Il secondo, accolto con scetticismo dall’opinione pubblica camerunense, ha vinto il suo primo trofeo su una panchina in 28 anni di carriera con la forza delle idee e delle scelte: “Vincono gli uomini, non i curriculum!”, è stato questo il credo trasmesso da Broos ai suoi ragazzi. Ed ecco che stelle del calibro di N’Koulou (Lione) e Aboubakar (Besiktas) – decisivi da subentrati nelle sfida contro i Faraoni di Héctor Cuper con i due gol (59′ e 88′) del trionfo – si ritrovano a fare i comprimari per l’intero torneo a gente che milita in campionati e serie minori.

« La differenza tra le altre squadre africane e noi è la nostra mentalità e lo spirito di combattenti che abita in noi, lo stesso del nostro simbolo, il leone. »
(Geremi, 118 presenze in nazionale tra il 1996 e il 2010, 2 ori CAF e 1 oro Olimpico)
    Print       Email

You might also like...

Montella Bonucci

Montella e Bonucci non cercano scuse: “Siamo stati insufficienti. Bisogna migliorare in fretta”

Read More →