Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Calcio  >  Serie A  >  Current Article

Serie A – Inter: vittoria gagliarda al Friuli, aspettando Gagliardini

By   /   8 Gennaio 2017  /   Commenti disabilitati su Serie A – Inter: vittoria gagliarda al Friuli, aspettando Gagliardini

A due mesi esatti dal suo annuncio come nuovo allenatore dell’Inter possiamo ufficialmente affermare che la ‘cura-Pioli’ sta avendo i suoi effetti sul club nerazzurro. Sono i numeri a dirlo: con l’ultima vittoria colta ad Udine in rimonta (Jankto 17′ e doppio Perisic 47′, 87′), l’Inter ha vinto le ultime 5 gare consecutive – contando anche quella finale del girone di Europa League – concedendo appena due reti e realizzandone ben otto.

La svolta voluta fortemente dai vertici di Suning, dopo l’interregno De Boer imposto da Thohir, oltre ad un cambio di marcia nei risultati ed un sensibile miglioramente della classifica, ha notevolmente allargato il ventaglio di opzioni vincenti in rosa, slegando capitan Icardi dallo scomodo ruolo di ‘Salvatore della Patria’ se è vero che con De Boer e De Vecchi l’argentino aveva segnato il 62,5% dei gol interisti in A, mentre con Pioli la percentuale di realizzazione è scesa al 35,7%; un calo per nulla preoccupante visti gli ottimi risultati e la crescita contigente in termini di gol e prestazioni di chi ruota attorno al numero 9 nerazzurri: Joao Mario, Brozovic, Candreva e Perisic su tutti. Proprio i due croati, con tre reti a testa in campionato da quando c’è Pioli, rappresentano le novità più interessanti imposte dall’ex Lazio: il primo riabilitato dopo l’esilio olandese durato mesi, il secondo più libero di muoversi a ventaglio tra la fascia sinistra e l’area di rigore. “Abbiamo portato a casa tre punti a denti stretti. Possiamo giocarcela con tutti!” – ha affermato Pioli nella ‘pancia’ della Dacia Arena -. 

Sul mercato, invece, il tecnico emiliano attende fiducioso i rinforzi chiesti (Galgiardini dovrebbe arrivare mercoledì): “La società è molto ambiziosa. Siamo allineati su quelle che sono le necessità”. Sul fronte cessioni, anch’esso caldo come chiesto dal tecnico, alla rescissione di Felipe Melo – accasatosi al Palmeiras – seguirà l’addio di Jovetic (non convocato per Udine) che “spera – a suo dire – di accasarsi quanto prima al Siviglia” di Jorge Sampaoli; c’è da definire la formula con la quale il montenegrino lascerà Appiano Gentile, gli spagnoli spingono per il prestito mentre l’Inter vorrebbe un conguaglio da subito.

    Print       Email

You might also like...

Ciao Davide!

Read More →