Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Ambiente  >  Current Article

CO2 in rallentamento grazie al cambiamento della fotosintesi

By   /   10 Novembre 2016  /   Commenti disabilitati su CO2 in rallentamento grazie al cambiamento della fotosintesi

foresta-amazzonicaSono stati da poco pubblicati sulla prestigiosa rivista Nature i risultati di uno studio australiano secondo il quale dal 2002 al 2014 la presenza di gas serra nell’atmosfera è cresciuta ad un ritmo ridotto a differenze delle attese.

Uno dei principali autori della ricerca Joseph Canadell, direttore del Global Carbon Project, ha spiegato che l’aumento dei livelli di CO2 nell’atmosfera nel periodo 2002-2014 ha modificato il processo di fotosintesi delle piante rafforzandolo. Inoltre nello stesso lasso di tempo un aumento meno intenso delle temperature sulla terra ferma ha portato le piante ad un rallentamento della respirazione. In questo modo è aumentato l’assorbimento di CO2, ma è diminuita la quota reimmessa nell’atmosfera.

Questa notizia positiva non deve essere letta come un miglioramento delle emissioni causate dall’uomo, ma come un bonus che la natura ci ha fornito. In questa direzione le dichiarazioni di Canadell “Il messaggio da leggere è che abbiamo beneficiato di un generoso sconto nel cambiamento climatico, circa metà della CO2 emessa dall’attività umana è stato assorbito dai carbon sink naturali. Quindi è necessario fare tutto il possibile per mantenere il meccanismo dei carbon sink, potenziarlo attraverso programmi di riforestazione e frenando la deforestazione. Mentre resta incerto il modo in cui i sink terrestri opereranno nel tempo, resta il fatto che senza tagli sostanziali ai 40 milioni di tonnellate l’anno di emissioni antropogeniche, il cambiamento climatico futuro rimane una realtà”.

Insomma un ulteriore campanello di allarme sui cambiamenti climatici causati dall’impatto umano e forse un’ultima possibilità per invertire la rotta e puntare tutto sulle energie rinnovabili.

    Print       Email

You might also like...

Allarme clima: fa male anche alla nostra mente

Read More →