Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Libri  >  Current Article

La parabola del padre misericordioso commentata in un libro da una cristiana, un musulmano e un ebreo

By   /   29 Ottobre 2016  /   Commenti disabilitati su La parabola del padre misericordioso commentata in un libro da una cristiana, un musulmano e un ebreo

9788825042078Una sorta di bussola per navigare in un mondo sempre più complesso, in cui la parola di Dio viene spesso usata per costruire barriere anziché ponti. Questo vuole essere la nuova collana di libro “Punti d’incontro” dedicata al dialogo interreligioso dalle Edizioni Messaggero di Padova. Volumi con testo in italiano e arabo per aiutare la conoscenza e il rispetto tra diverse fedi. Ogni libro della collana propone un brano tratto dalle scritture sacre di ebrei, cristiani o musulmani, commentato da vari autori appartenenti a queste fedi o laici che si confrontano con coraggio.

Nel primo volume, “Il padre misericordioso”, Vittorino Andreoli psichiatra, già direttore del Dipartimento di Psichiatria di Verona e membro della New York Academy of Sciences; Elena Bosetti, religiosa, teologa biblista, già docente di ecclesiologia e di esegesi del Nuovo Testamento; Yahya Pallavicini, vice presidente della comunità religiosa islamica italiana, è imam della moschea Al-Wahid di Milano, consigliere del Centro Islamico Culturale d’Italia e membro della consulta per l’Islam italiano presso il ministero dell’Interno e Haim Fabrizio Cipriani, ex rabbino della comunità Lev Chadash di Milano attualmente a capo delle comunità ebraiche di Marsiglia, Montpellier e Tolosa, commentano la parabola del figliol prodigo.

L’intento è quello di superare i pregiudizi, la dicotomia “noi-loro”, l’ignoranza reciproca che può diventare la causa principale dell’odio e dell’intolleranza.

«Il nostro è un tentativo di rischiare incontri là dove tutti o molti, da una parte e dall’altra, preferirebbero ideologicamente scontri – commenta Fabio Scarsato direttore editoriale del «Messaggero di Sant’Antonio» e delle Edizioni Messaggero Padova – La parola di Dio è un buon motivo, in un momento dove le parole feriscono e dividono, scagliate aggressivamente come bombe addosso a chi non è come noi, per usare parole diverse. Anzi, per osare parole diverse. Per questo ci è venuto in mente di progettare una collana di libri leggibili da tutti, persino da chi conosce soltanto l’arabo, e soprattutto da chiunque abbia a cuore la propria fede personale, ma ritenga che Dio è più grande anche di questa».

 

 

    Print       Email

You might also like...

Speciale Lucca Comics and Games 2019 – libri e serie tv

Read More →