Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Morto il Re Tailandese Bhumibol Adulyadei

By   /   14 Ottobre 2016  /   Commenti disabilitati su Morto il Re Tailandese Bhumibol Adulyadei

re-tailandeseLa Tailandia è a lutto. Piange la morte, avvenuta oggi presso l’ospedale Siriraj di Bangkok, all’età di 88 anni, del loro sovrano Bhumibol Adulyadei, salito al trono nel lontano 1946 con il titolo di Rama IX.

A lui succederà, come previsto dalla Costituzione, il figlio, Maha Vajiralongkorn, di 64 anni, ma il principe ereditario ha chiesto di non procedere subito all’incoronazione, per rispetto nei confronti del padre, per la cui morte il governo ha dichiarato 1 anno di lutto, 30 giorni di celebrazioni durante i quali verranno sospesi tutti gli eventi di Stato, la bandiera sarà a mezz’asta in tutti gli edifici pubblici e tutti i canali televisivi trasmetteranno lo stesso programma, relativo alla vita del Re.Saranno esenti i trasporti pubblici, le attrazioni turistiche e le attività commerciali che resteranno aperte perché il governo non vuole frenare l’economia del Paese.

La morte del loro sovrano, il più longevo monarca al mondo (70 anni di regno), ha scosso tutti i tailandesi che si sono vestiti a lutto e, nella capitale, si sono già messi in fila lungo la strada che oggi pomeriggio porterà il feretro dall’ospedale al Tempio del Buddha Verde o al Wat Phra Kaew, nel sotterrati del Grand Palace, dove verrà sepolto.

Anche se in Tailandia la monarchia è costituzionale, il Re Rama IX ha svolto un ruolo politico molto incisivo, governando con saggezza e rappresentando la figura unificatrice durante le numerose crisi politiche che il paese ha attraversato in questi 70 anni. Solo di recente, probabilmente a causa della sua salute, è rimasto in disparte, in particolare, durante il colpo di stato che nel 2014 ha portato al potere il generale Prayuth Chan-ocha.

Messaggi di cordoglio sono arrivati da tutto il mondo.

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Abbattere i simboli delle ingiustizie razziali

Read More →