Loading...
You are here:  Home  >  Cultura  >  Tecnologia  >  Current Article

Niente WhatsApp, Viber e Telegram per i dipendenti statali in Russia

By   /   30 Settembre 2016  /   Commenti disabilitati su Niente WhatsApp, Viber e Telegram per i dipendenti statali in Russia

whatsapp telegram viberIn pieno stile da guerra fredda e in linea con la situazione diplomatica attuale, la Russia sta sviluppando un sistema in grado di rendere noti ai Servizi di Sicurezza Federale, FSB, qualunque dipendente pubblico utilizzi applicazioni di messaggeria non certificate dal governo russo per scambiare informazioni lavorative.

In questa lista “nera” entrano di diritto WhatsApp, Viber e Telegram, che vengono additate come non sicure dal ministero della Difesa, che ha proposto il licenziamento per chiunque dei dipendenti statali, civili o militari, utilizzi tali applicazioni. I regolamenti necessari allo sviluppo di questa direttiva sono già in fase di preparazione e molto probabilmente da metà del 2017 entreranno in vigore.

Questa decisione di non utilizzare applicazioni di messaggeria occidentali è solo l’ultimo passo di una ricerca costante di controllo sulla forza lavoro statale, sia militare che civile, e soprattutto un’incessante ricerca di standard sempre più elevati di sicurezza per il trattamento delle informazioni relative allo stato Russia. Questo tipo di azione sancisce sempre di più un ritorno ad una politica da guerra fredda da parte del Cremlino, sempre più in rotta con il mondo occidentale e con gli USA.

    Print       Email

You might also like...

Il fascino della roulette: storia ed applicazioni moderne

Read More →