Loading...
You are here:  Home  >  Sport  >  Calcio  >  Current Article

Argentina – Sorrisi e lacrime: la Selección riparte da Messi e Dybala

By   /   3 Settembre 2016  /   Commenti disabilitati su Argentina – Sorrisi e lacrime: la Selección riparte da Messi e Dybala

image

Lionel Messi si riprende l’Argentina! È durata sessantacinque giorni la ‘rottura’ tra l’asso del Barcellona e la propria nazionale, conseguenza della terza finale internazionale persa dall’Albiceleste negli ultimi tre anni. Fatale, per la decisione del diez, era stato il calcio di rigore sbagliato in New Jersey contro il Cile; a fine gara le lacrime ‘pesanti’ di Messi e le parole – ancora più pesanti – di addio: “Troppe delusioni, lascio!”, come se da soluzione fosse improvvisamente diventato problema.

LA PROFEZIA DI D10S – A seguito di quella vicenda una nazione intera, e forse anche di più, si era prontamente mobilitata per far cambiare idea al cinque volte Pallone d’Oro, con a capo El Pibe in persona: Non va gettata addosso a Messi la croce degli insuccessi argentini. I colpevoli sono altri. Mi auguro, come tutto il mondo del calcio, che Leo ci ripensi”. Le parole di Maradona, da sempre estimatore del ragazzo, si sono infine avverate ieri l’altro quando Messi ha capitanato l’Argentina nella sfida di qualificazione mondiale agli arci-rivali dell’Uruguay decisa – neanche a dirlo – da un gol della Pulce.

AMOR DI PATRIA – Un 1-0, quello del Malvinas Argentinas, che ha sancito un nuovo idillio tra il rosarino e il suo popolo, per la gioia tra gli altri del c.t. Bauza. “Il mio ritorno in Nazionale? Sono davvero felice! Ho voluto esserci a tutti i costi nonostante un lieve acciacco perché il gruppo è fantastico e le qualificazioni a Russia 2018 sono importanti. Quello che avevo detto dopo la finale persa era dettato dallo sconforto del momento. La voglia di giocare e l’amore verso il mio paese mi hanno fatto cambiare idea. (fonte Marca.com)

LACRIME DI JOYA – Per un Messi che torna a sorridere con la maglia dell’Argentina c’è un Dybala che versa le sue prime lacrime internazionali: frutto di un’espulsione al minuto 46 che ha rischiato di pregiudicare il risultato della sua squadra. In 10 contro 11 la Selección ha comunque controllato gli assalti di una Celeste non più convincente come in passato, nonostante la presenza del tandem Cavani-Suarez.

    Print       Email

You might also like...

Europei Under 21: Spagna 2 – Germania 1

Read More →