Loading...
You are here:  Home  >  Esteri  >  Current Article

Violenze e arresti al Carnevale di Notting Hill

By   /   29 Agosto 2016  /   Commenti disabilitati su Violenze e arresti al Carnevale di Notting Hill

Notting Hill carnevaleNonostante lo spiegamento di circa 7 mila poliziotti, come da tradizione, anche quest’anno il Carnevale di Notting Hill si è colorato di violenze e arresti. Il bollettino di quest’anno parla di almeno 4 accoltellamenti, di cui un quindicenne in gravi condizioni, oltre 400 feriti con 77 ospedalizzati e un centinaio di arresti.

Il Carnevale di Notting Hill affonda le sue origini nella rivolta razziale del 1858 degli immigrati delle ex colonie britanniche delle isole di Trinidad e Tobago, ma è stato istituito sotto forma di Carnevale nel 1966. ma forse a ricordo delle sue origini, ogni anno non sono mancati gli scontri con la polizia e gli atti vandalici, tanto che fino al 1977 la parata è rimasta clandestina e tutti i negozi, pub e ristoranti della zona rimanevano chiusi per paura dei saccheggiamenti.

Nei 2 giorni di Carnevale, nell’ultimo weekend di agosto, centinaia di migliaia di persone (lo scorso anno oltre 1 milione di visitatori) si riversano per le strade del noto quartiere di Londra con vestiti colorati, musiche, balli e canti tipici dei Caraibi, e, naturalmente, scorrono fiumi di birra, che secondo il London Ambulance Service, insieme alle droghe sono le principali cause delle degenerazioni, specialmente tra i giovani.

Nel 2008 la manifestazione finì con violentissimi scontri, mentre lo scorso anno la polizia ha effettuato ben 407 arresti, un record per un evento che ogni anno si trasforma sempre più spesso in occasione per scaricare la propria aggressività, specialmente tra giovani di bande rivali.

Ma il Carnevale di Notting Hill, il più grande del mondo, resta sopratutto una festa per grandi e bambini e per tutti coloro che vogliono celebrare con gioia la vita.  

di Vito Di Ventura

    Print       Email

You might also like...

Abbattere i simboli delle ingiustizie razziali

Read More →